Mercato italiano: ad ottobre la crescita rallenta

Secondo i dati del Ministero dei Trasporti il mercato italiano cresce ancora, ma meno dei mesi precedenti

Il mercato italiano del settore automobilistico cresce anche ad ottobre, anche se in maniera meno vigorosa degli scorsi mesi. Secondo i dati diffusi dal ministero dei Trasporti, nel mese di ottobre sono state immatricolate 157.900 vetture, registrando così un +7,1% rispetto allo stesso periodo del 2016.

Nei primi 10 mesi dell’anno sono state distribuite 1.692.047 auto, ovvero l’8,9% in più rispetto al medesimo progressivo dello scorso anno. Il mercato auto in Italia resta in positivo da ben 47 mesi consecutivi, se si escludono i mesi di maggio 2014 e aprile 2017.

In testa al mercato troviamo il Gruppo FCA forte di 41.446 auto vendute ad ottobre ed una quota di mercato che ha raggiunto il 26,3%. Nei primi 10 mesi del 2017 sono stati immatricolati 489.001 veicoli che si traducono in un +8,2% rispetto al medesimo mese dello scorso anno e in una quota del 28,9%. Tra i brand più performanti del Gruppo segnaliamo Jeep capace di portare a casa un ottimo +47,2% grazie ai risultati della nuova Compass, seguito da Alfa Romeo con un +10.3, male invece Fiat (-4,4%) e Lancia (-17,6%).

Ottimi risultati registrati dai marchi francesi come ad esempio  Citroen capace di raggiungere un +41,8%, seguita da Renault (+27,5%) e Peugeot un (+17,2%). Dell’Alleanza Renault-Nissan spicca Dacia con un +47,8%,Opel +6,6%, mentre Nissan scende del 4,7%.

I costruttori giapponese risultano invece altalenanti con Toyota che cresce del 22,7%, la Suzuki  spicca con un +39,5% e  Mazda si difende più che bene con un +10,2%. Risultati da dimenticare per Honda (-5,7%), Mitsubishi (-18,8%) e Subaru (-19,7%), ma anche per i marchi premium Lexus e Infiniti, che registrano un calo rispettivamente del 4,4 e del 33,9%.

La lista si chiude con le immancabili tedesche: il Gruppo Volkswagen guadagna un segno positivo per Audi (3,1% ) e VW (+1,7%), mentre Seat e Skoda vantano un calo rispettivamente pari a 19,8% e del 20%. Mercedes cresce del 2,6% e Bmw cala del 13.3%.

Continua i balzo delle immatricolazioni alle società che aumentano del 10,1%, mentre i privati  del 4%, anche se il peso sul totale è sceso al 58%. Il noleggio continua a vivere la sua epoca d’oro con una crescita del lungo termine del 13,8% e del breve pari al +10,6%. Infine segnaliamo il boom delle vendite di auto ibride che ha raggiunto un incredibile +90,1%, con 6.636 unità immatricolate, balzando in questo modo dal 2,3% al 4,2% del mercato.

Altri contenuti