Ferrari: nel 2011 risultati da record

Il bilancio per l’anno 2011 ha registrato conti superlativi, grazie anche alle vendite di Stati Uniti e Cina.

Il bilancio per l’anno 2011 ha registrato conti superlativi, grazie anche alle vendite di Stati Uniti e Cina.

Il 2011 è stato l’anno dei record per i conti della Ferrari, che ha registrato per la prima volta nella sua storia un fatturato superiore ai 2 miliardi di euro (2,25 miliardi) che si traduce in un +17,5% rispetto al 2010. La Casa di Maranello è riuscita ad incrementare le vendite dei propri modelli del 9,5% per un totale di 7.195 vetture consegnate in tutto il mondo. Inoltre l’utile della gestione ordinaria ha toccato i 312 milioni di euro, mentre la crescita dell’utile netto (209 milioni di euro) risulta molto contenuta rispetto all’anno precedente.

Il merito di questi ottimi risultati spetta al mercato statunitense (+8%), dove sono state consegnate ben 1958 vetture, ma anche ad alcuni mercati emergenti, primo fra tutti quello cinese che con un +62% conferma la forte crescita del mercato del paese asiatico nel segmento delle vetture sportive, con ben 777 “rosse” consegnate nel 2011. Da segnalare anche gli ottimi risultati di vendita di Gran Bretagna (574 unità, +23%),  Germania (705 consegne, +14,6%) e dei “soliti” sceicchi del Medio Oriente (450 auto vendute, +22%).

Gli introiti della Ferrari non sono solo da attribuire alle vendite dei suoi modelli, ma anche alle molte attività legate al marchio come ad esempio i 50 negozi sparsi in tutto il mondo, lo stupefacente parco tematico realizzato ad Abu Dhabi o ancora le numerose partnership commerciali stipulate con brand internazionali come Puma o il marchio di lusso Hublot  del Gruppo LVMH e altro ancora.

Ferrari FF Blue Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Ferrari Portofino M

Altri contenuti
Imola: 3 gare della Ferrari da dimenticare
Formula 1

Imola: 3 gare della Ferrari da dimenticare

Una vittoria che lascia molti tifosi con l’amaro in bocca; un pauroso incidente che avrebbe potuto avere conseguenze tragiche; un doppio ritiro: tre episodi che, per alcuni aspetti, sono da archiviare fra le giornate-no per le “Rosse”.