Come compilare il modulo CID correttamente

Se desideriamo velocizzare le pratiche per un eventuale risarcimento danni provocati da un sinistro è bene conoscere cos’è e come compilare il CID.

Come compilare il modulo CID correttamente

di Francesco Donnici

29 Aprile 2019

Nessuno vorrebbe trovarsi coinvolto in un incidente stradale, ma purtroppo sono cose che accadono e noi non possiamo fare nulla, anzi l’unica cosa che possiamo fare e non farci trovare impreparati quando succedono questo tipo di eventi. Ad esempio, se non vogliamo coinvolgere le Forze dell’Ordine e di conseguenza velocizzare le pratiche per l’eventuale risarcimento dei danni provocati dal sinistro è bene conoscere cos’è e come compilare il modulo CID.

A cosa serve il CID e dove trovarlo

Il CID o modulo di constatazione amichevole di incidente può essere utilizzato solo nel caso in cui siamo stati coinvolti in un incidente tra due veicoli, infatti se si verifica un sinistro tra un’automobile, un furgone o una moto e un pedone, il modulo non sarà valido. Questo tipo di documento di solito viene consegnato in maniera gratuita dalla compagnia assicurativa con cui abbiamo sottoscritto la polizza, in alternativa è possibile scaricarlo on-line in formato PDF dopo aver effettuato una breve ricerca su internet.

Come è fatto il modulo CID

Il modulo CID risulta composto da quattro fogli, ma solo il primo deve essere compilato in ogni sua parte perché i restanti tre sono delle copie in carta carbone che riporteranno le medesime informazioni e indicazioni che si trovano sul primo.

La prima pagina si articola in due differenti colonne che si distinguono per altrettanti colori, ovvero blu e giallo, in questo modo sarà possibile identificare e distinguere in maniera rapida ed univoca i due veicoli coinvolti nell’incidente. In mezzo le due colonne colorate troveremo una terza parte di colore bianco dove risultano riportate le più probabili situazioni che hanno provocato la collisione. In basso la colonna troviamo un’apposita parte dedicata alla riproduzione grafica dell’incidente e anche il campo firme che devono essere poste da entrambi le parti interessate al termine della compilazione del CID.

Come compilare il CID

Se sono coinvolti due soli mezzi nel sinistro basterà compilare un solo modulo, mentre se l’incidente ha come protagonisti tre o più veicoli allora bisognerà ricorrere all’utilizzo di più CID. Le prime cinque sezioni sono relative al luogo e alla data in cui si è verificato il sinistro, inoltre in questa prima parte troveremo anche le voci relative alla presenza di eventuali danni materiali, feriti e testimoni. Le sezioni dal numero 6 al numero 11 riguardano invece i dati relativi ai veicoli coinvolti, agli assicurati e alle loro rispettive compagnie assicuratrici (non sempre assicurato e conducente coincidono), inoltre è presente la sezione dedicata ai danni causati dalla collisione.

Le sezioni da 12 a 13 permettono di descrivere con accuratezza la dinamica dell’incidente. La circostanza riportata sul modulo che più si avvicina all’accaduto deve essere segnata con una “X”, inoltre è possibile anche descrivere l’accaduto nell’apposito spazio che viene riservato per la rappresentazione grafica, ovvero dove viene disegnato il momento dell’urto tra i due veicoli coinvolti. Infine le sezioni 14 e 15 sono rispettivamente riservate alle eventuali osservazioni delle due parti coinvolte e alla firma dei due conducenti. Se uno dei due guidatori coinvolti non apporta la sua firma sul modulo non si potrà parlare di contestazione amichevole perché manca l’accordo tra le parti. Infine esiste anche una parte denominata “Altre informazioni” dove è possibile appuntare se è avvenuto l’intervento delle Forze dell’Ordine e gli eventuali dati di feriti e testimoni.

Una volta terminata la compilazione del modulo, ad ognuno dei due automobilisti spetterà due copie del CID, di queste una rimarrà in suo possesso e l’altra dovrà essere consegnata alla propria compagnia assicurativa. Quest’ultima operazione dovrà essere effettuata entro 3 giorni dalla data dell’incidente, mentre l’eventuale pagamento dei danni verrà effettuato entro i 30 giorni dalla relativa denuncia. Alcune compagnie permettono all’utente di effettuare questo tipo di operazioni online o per telefono, offrendo così un ulteriore risparmio di tempo.

I vantaggi della constatazione amichevole

Compilare la contestazione amichevole dell’incidente agevolerà il lavoro delle compagnie assicuratrici portando come principale vantaggio la diminuzione dei tempi relativi alla liquidazione del danno. Il CID rappresenta una specie di accordo tra le due parti che descrivono le proprie e eventuali responsabilità, dopodiché sarà compito delle due compagnie chiarire l’esatta dinamica e stabilire con precisione i relativi rimborsi. Infine, come accennato nella prima parte della nostra guida, la contestazione amichevole permetterà di non coinvolgere le forze dell’ordine, operazione che per forza di cose obbligherà le parti ad attendere il loro intervento sul luogo dove è avvenuto l’incidente, cosa che spesso e volentieri richiede lunghe e snervanti attese.