Manutenzione auto: la tabella dei controlli periodici

La manutenzione auto è un’operazione fondamentale per garantire la massima sicurezza degli occupanti e le migliori performance di un veicolo.

Manutenzione auto: la tabella dei controlli periodici

di Francesco Donnici

01 Aprile 2019

L’automobile ha bisogno di una manutenzione ordinaria effettuata in maniera corretta e periodica se si desidera garantire la massima sicurezza agli occupanti della vettura e agli altri utenti della strada. Per ottenere un perfetto funzionamento del veicolo bisogna innanzi tutto badare ai controlli periodici più importanti, ovvero i tagliandi e le revisioni che si distinguono come appuntamenti irrinunciabili per valutare al meglio lo “stato di salute” dell’automobile.

La revisione periodica che va effettuata come obbligo di legge e i tagliandi imposti dalle Case Costruttrici con scadenze prefissate sono quindi fondamentali sia per evitare eventuali sanzioni (revisione) che per evitare la perdita della garanzia da parte della Casa madre (tagliandi). Oltre a questi immancabili appuntamenti è bene effettuare un check-up completo alla propria vettura prima di affrontare un lungo viaggio, quando incomincia il periodo estivo, o semplicemente quando si ha qualche dubbio sul corretto funzionamento della vettura. Ricordiamo che una inefficiente manutenzione, oltre a poter procurare gravi problemi di sicurezza agli occupanti del veicolo e agli altri utenti della strada, può anche far aumentare i consumi e le emissioni inquinanti in maniera spropositata.

Cambio-rabbocco olio

L’olio motore è un elemento fondamentale per il corretto funzionamento della vettura, il cambio olio di solito viene effettuato ogni 15-20mila km, ma ovviamente l’informazione precisa viene riportata sul libretto di uso e manutenzione dell’auto. Consigliamo di controllare l’olio il più spesso possibile, inoltre alcuni meccanici consigliano un rabbocco ogni 1.500 km circa. I costi del cambio d’olio variano dalla qualità di quest’ultimo al tipo di vettura interessata.

Pressione e usura pneumatici

Gli pneumatici sono tra i componenti fondamentali per garantire la sicurezza di chi si trova un’automobile, per questo motivo risulta necessario ed estremamente utile controllare con cadenza periodica la corretta pressione delle gomme. In questo modo sarà possibile assicurare il miglior grip con qualsiasi condizione climatica e stradale, oltre ad evitare consumi di carburante più elevati. Per quanto riguarda l’usura degli pneumatici, ora i produttori hanno inserito un listello che quando si consumo o sbiadisce indica che è arrivato il momento di sostituire lo pneumatico.

Batteria

Anche la batteria è una parte fondamentale dell’auto, considerando che in caso di mal funzionamento o di scarsa carica potrebbe portare problemi all’accensione della vettura e di conseguenza lasciare l’automobilista in panne. Quando si lascia il veicolo fermo per lunghi periodi, magari in luoghi particolarmente freddi, il consiglio è di staccare la batteria, facendo attenzione a scollegare prima il cavo del polo negativo di colore nero (segno ­-) ed in seguito quello positivo di colore rosso (segno +). Quando invece si dovrà ricollegare la batteria bisognerà eseguire l’operazione precedente, ma invertita, ovvero prima il polo positivo e poi quello negativo.

Sostituzione liquido e pasticche freni

Quando arriva il momento di sostituire il liquido dei freni solitamente si accende una spia della strumentazione dell’auto, ma se durante la guida si avverte un’anomalia durante le operazioni di frenata è meglio rivolgersi al proprio meccanico di fiducia, stessa cosa se si avvertono i freni stridere, in questo ultimo caso con ogni probabilità bisognerà cambiare le pasticche.

Livello liquido di raffreddamento

Il liquido di raffreddamento è un componente fondamentale che assicura il corretto funzionamento del propulsore. Quando la spia dell’acqua si accende bisogna immediatamente fermarsi ed effettuare il rabbocco, ovviamente sarebbe meglio non arrivare a questo punto, controllando il livello del liquido periodicamente, specie durante i periodi più caldi dell’anno.

Tagliando e revisione

Come accennato all’inizio della guida, il tagliando deve essere effettuato quando suggerito dalla Casa madre, comunque di solito il primo lo si fa al raggiungimento di 20.000 – 30.000 km oppure ogni 1-2 anni, mentre quelli successivi ogni 15.000-20.000 km. Le auto più moderne segnalano il momento di recarsi in officina per eseguire il tagliando tramite una spia luminosa della strumentazione. La revisione periodica è invece un obbligo di legge e va eseguito la prima volta dopo quattro anni dall’acquisto di una vettura nuova e successivamente ogni due anni. Se si circola senza aver effettuato la revisione si rischia una pesante multa e il ritiro temporaneo del libretto di circolazione.

Filtro antipolline

Per assicurarsi un ambiente di guida pulito e salubre è bene effettuare un cambio del filtro antipolline auto annualmente o in alternativa quando si superano i 20mila chilometri. Se si circola su strade particolarmente trafficate o ricche di polvere suggeriamo di effettuare il cambio filtro in maniera più frequente.