Auto GPL o a metano: quale conviene di più

Facciamo chiarezza sui pregi e i difetti delle auto GPL e metano analizzando costi, manutenzione e altri dettagli.

Con il diesel in profonda crisi, ormai osteggiato dalle amministrazioni locali di città sparse in tutta Europa tramite continui blocchi del traffico, le auto alimentate a GPL o metano stanno guadagnando sempre maggiore appeal, sia perché vantano costi di gestione contenuti che per il loro basso impatto ambientale. Per questi motivi, le auto alimentate a GPL o a metano risultano ideali per quegli automobilisti che devono percorrere molti chilometri ogni giorno e che quindi devono stare attenti ai costi del carburante, ma anche per quelle persone che raggiungono le Zone a traffico limitato delle grandi città o dei centri storici, dove le auto a gas non sono sottoposte a limiti di circolazione.

Le differenze tra GPL e Metano

Appurata la convenienza delle vetture a GPL o metano, cerchiamo ora di capire quali sono le significative differenze tra questi due tipi di alimentazione. Il GPL (Gas di Petrolio Liquefatti) è una miscela di combustibili come propano e butano che risultano derivati dalla raffinazione di petrolio, rispetto alla benzina e al diesel inquina meno, ma non rispetto al metano che risulta più pulito.

Al contrario, il metano viene estratto da pozzi naturali (risulta formato da un atomo di carbonio e quattro di idrogeno), rilascia pochissime emissioni nocive, è molto leggero e si disperde con facilità nell’atmosfera inoltre, come anticipato in precedenza, inquina addirittura meno del GPL, ma rispetto a quest’ultimo risulta meno performante, considerando che le automobili alimentate da questo combustibile naturale perdono decisamente più potenza rispetto a quelle a GPL. In sintesi, le auto a GPL emettono in media il 10% in meno di anidride carbonica rispetto ai veicoli alimentati a benzina, mentre quelle a metano emettono nell’aria addirittura il 20% in meno di CO2.

Costi e manutenzione degli impianti GPL e metano

Dal punto di vista dei costi, il metano risulta leggermente più caro del GPL, ma consuma meno. Essendo un derivato del petrolio, il GPL risulta meno efficiente della benzina e di conseguenza viene consumato più in fretta del metano. Passando all’autonomia, di solito i serbatoi offrono un’autonomia di circa 400 km con un pieno.

Osservando i listini delle varie Case automobilistiche internazionali, è possibile notare che sempre più marchi prevedono nei propri listini modelli con impianti a GPL o metano installati direttamente in fabbrica. Ovviamente, risulta possibile istallare su un veicolo un impianto a gas anche in un secondo momento comprandolo le bombole da uno dei tanti affidabili produttori e facendolo installare ad un centro specializzato. Acquistandolo after market, l’impianto a GPL ha un costo che parte da 500 euro e può arrivare a 1.500, mentre l’impianto a metano vanta un costo decisamente superiore che parte dai 1000 euro e può raggiungere i 2.000.

Passando al capitolo “manutenzione”, il GPL richiede costi più alti rispetto ai propulsori alimentati a gasolio o benzina, mentre per quanto riguarda la revisione delle bombole, quelle per il metano devono essere revisionate ogni 4 anni, mentre quelle per il GPL ogni 10.

Quale conviene economicamente?

A livello economico, un’auto a metano costa di più di un’auto a GPL, i consumi di quest’ultima sono inferiori, ma il costo del metano è più basso rispetto a quello del Gas di Petrolio Liquefatti. A causa di una carenza della rete di rifornimento, non è possibile usufruire del self service né per il metano e né per il GPL, anche se quest’ultimo può contare su più stazioni di servizio sparse sul territorio nazionale. Entrambi i tipi di alimentazioni possono godere di agevolazioni fiscali in alcune regioni, come ad esempio l’esenzione del bollo per alcuni anni.

Quale scegliere?

La scelta tra una vettura a metano e una a GPL può quindi dipendere da numerosi fattori, ma quello principale è sicuramente la presenza stazioni di rifornimento situate vicino i punti di interesse del guidatore. Infine, il metano inquina meno, ma come sottolineato precedentemente offre prestazioni più fiacche rispetto al GPL che comunque offre meno potenza rispetto al metano, quindi se si ama una guida più allegra è meglio un veicolo GPL, mentre se si percorrono più di 20-30mila km ogni anno la scelta dovrebbe cadere sul metano.

Altri contenuti