Come funziona l’area sosta camper? Tutto ciò che devi sapere

Francesco Giorgi
31 Luglio 2022
area_sosta_camper

Quali tipologie di aree di sosta camper sono disponibili per il turismo itinerante, cosa dice la legge, dove trovarle, cosa offrono.

Trends: Vacanze Estive

Chi viaggia in camper vuole essere libero. Con questo termine si risponde al bisogno di fermarsi dove si vuole, come si vuole e quando più lo si desidera. Nessun mezzo come il camper soddisfa di più il concetto di turismo itinerante a basso costo: se si escludono le spese vive di gestione del veicolo (bollo, assicurazione, manutenzione, ricovero del mezzo in aree di deposito se non si dispone di un’area privata per la sosta del veicolo quando non lo si utilizza) che tuttavia possono essere evitate se si sceglie di noleggiare un camper per le proprie vacanze, non resta che mettere carburante, attrezzare il veicolo secondo i propri bisogni e partire.

Durante il viaggio in camper è possibile effettuare delle soste intermedie di breve o media durata (fino a 48-72 ore) approfittando delle aree di sosta camper, che permettono – a fronte di una spesa di pochi euro o in forma gratuita, a seconda del tipo di area nel quale ci si ferma – di fermarsi per la notte o durante le ore più calde del giorno. E, lasciando il camper parcheggiato, fare una passeggiata a piedi nel più vicino sito turistico.

In questa guida analizziamo tutti gli aspetti legati alle aree di sosta camper: cosa sono, come vengono organizzate, quali servizi offrono, come trovarle, i pro e contro, quali sono le principali differenze rispetto ai “tradizionali” campeggi.

La normativa

Circolazione e sosta dei camper sono disciplinate dall’art. 185 del Codice della Strada: la norma equipara i camper a tutti gli altri autoveicoli in materia di regole di comportamento, divieti e relative sanzioni. Il CdS non è tuttavia chiaro nell’interpretazione della sosta dei camper. In questo senso, è bene fare riferimento alle eventuali ordinanze emesse dalle autorità locali sul permesso di sosta ai camper oppure sui divieti sul territorio di competenza.

In linea generale, tuttavia, l’art. 185 del Codice della Strada fornisce una prima indicazione dei casi nei quali è consentito dormire a bordo del proprio camper lungo la strada. La sosta è consentita se il camper non poggia a terra con i “piedini” ma sulle sue ruote, non emette deflussi propri (scarichi delle acque o fumi) che non siano quelli del motore, e se non occupa la sede stradale oltre il proprio ingombro: ovvero, non presenta il tendalino esterno aperto, non ci sono scalette esterne e non presenta i finestrini a compasso aperti. Tutti comportamenti che presuppongono, per l’appunto, attività di “campeggio libero”. La normativa sulla sosta libera dei veicoli è regolata anche dall’art. 158 CdS (“Divieto di fermata e sosta dei veicoli”).

Aree sosta camper: tutte le tipologie

Esistono quattro tipologie di aree attrezzate, che si differenziano fra loro per l’entità dei servizi offerti ai camperisti. Come si indicava più sopra, tutte devono garantire la sosta ai camper in sicurezza, senza creare alcun intralcio alla circolazione, nel rispetto delle normative locali. Le superfici sono pianeggianti, e le dimensioni sono adeguate ad accogliere un certo numero di camper per una sosta.

Di seguito una carrellata dei tipi di area attrezzata.

  • Punto sosta. La tipologia più semplice, consiste in un’area che permette soltanto sosta ed eventuale pernottamento. Non ci sono servizi in aggiunta. Tutti i punti sosta devono essere ovviamente segnalati e illuminati;
  • Camper Service. Svolge una funzione esclusivamente di area di servizio e non di area di sosta. È dotata di pompe e bocchette per il carico dell’acqua potabile, di un pozzo (fossa biologica impermeabilizzata o prefabbricato) per lo scarico delle acque reflue, e di prese di corrente, che possono eventualmente funzionare a gettone;
  • Area attrezzata. Vi sono permessi sosta e pernottamento, dispone di un’ampia gamma di servizi: carico e scarico delle acque, spazi per il pic-nic, docce, servizi igienici, allacci alla rete elettrica, punti di informazioni turistiche. Si tratta della tipologia più completa di area di sosta per i camper e i veicoli ricreazionali in generale, studiata per offrire un notevole comfort ai turisti;
  • Area integrata. È un’area di sosta per camper realizzata “in appendice” ad altre strutture turistico-ricettive: alberghi, B&B, agriturismo, centri commerciali. Lo spazio e i servizi vengono messi a disposizione dei viaggiatori attraverso un minimo pedaggio.

Le attrezzature utili per l’area sosta camper

Come si accennava qui sopra, ogni tipologia di area di sosta dispone di attrezzature ad hoc, a seconda di quale struttura ci si riferisce. Così, il punto sosta è essenzialmente un parcheggio per i camper, solitamente privo di servizi a meno che in prossimità non ci siano indicazioni turistiche e/o camper service per il carico e lo scarico delle acque. L’allaccio alla corrente elettrica è il più delle volte assente. L’accesso (carico e scarico) delle acque è presente nei Camper Service, che non di rado si trovano nelle aree di parcheggio, nelle stazioni di servizio autostradali, in prossimità di impianti sportivi o presso distributori di carburanti e centri commerciali, nonché all’interno delle aree attrezzate e dei campeggi (questi ultimi consentono l’accesso ai Camper Service soltanto se l’ingresso alla struttura è autorizzato dai gestori). Per periodi di sosta (tappe) intermedi un po’ più lunghi (fino a 48-72 ore), l’area attrezzata è la soluzione migliore: queste strutture sono spesso collocate nei pressi di siti turistici importanti (aree urbane, spiagge, località di montagna o laghi) e dispongono di tutti i servizi per il turismo itinerante all’insegna del comfort: carico e scarico delle acque, servizi igienici, colonnine per l’allaccio alla rete elettrica, connessione WiFi. Solitamente, l’apertura del tendalino esterno al camper è consentita.

Come trovare le aree di sosta?

L’individuazione delle aree di sosta per camper è ormai semplice. Una rapida ricerca online, indirizzata al tragitto che si intende percorrere oppure durante il viaggio, permette di avere sempre una panoramica sulle strutture presenti. Anche gli strumenti multimediali vengono in aiuto dei camperisti: campeggi e aree di sosta in Italia e all’estero sono facilmente reperibili attraverso numerose App per smartphone. Non c’è che l’imbarazzo della scelta: AriApp, CamperStop, CamperOnline, Campy sono soltanto alcune delle applicazioni scaricabili su Apple CarPlay e Android Auto a disposizione di tutti gli utenti.

Pro e contro delle aree sosta camper

Come tutte le cose, anche le aree di sosta camper possiedono degli elementi a favore e altri da valutare con attenzione, prima di sostare: per questo, è bene avere sempre sotto mano una “mappa” (magari tramite App, oppure con una ricerca online prima di partire) delle aree presenti lungo il tragitto delle vacanze con il camper, per essere sicuri di quello che si troverà.

Vantaggi

  • Sono gratuite, o quantomeno economiche;
  • L’utente paga soltanto la piazzola, a prescindere dal numero di persone che compongono l’equipaggio o di animali a bordo;
  • Si può accedere in qualsiasi momento nelle aree di sosta camper;
  • Le modalità di pagamento sono nella maggior parte dei casi a mezzo distributori automatici, esattamente come avviene per le aree di parcheggio;
  • Le aree Camper Service, le aree attrezzate e le aree integrate dispongono di servizi di allaccio alla rete elettrica, fornitura e smaltimento delle acque, eventualmente con un minimo di costo in più;
  • Sono situate nei pressi di siti turistici, o a poca distanza dalle zone centrali delle città;
  • In alcuni casi, al mattino arriva un panettiere;
  • Le aree di sosta camper sono aperte tutto l’anno;
  • Le aree di sosta camper (qualsiasi sia la tipologia) sono dedicate ai camperisti: questo offre la possibilità di fare sempre nuove conoscenze;
  • La disponibilità delle aree di sosta sul territorio è sempre più capillare;
  • Non occorre prenotare: si arriva e ci si sistema.

Svantaggi

  • Il più delle volte, per il pagamento è possibile affidarsi solamente ai distributori automatici, e la modalità di pagamento (contanti o con carta) è da valutare prima di fermarsi;
  • Lo spazio a disposizione di ogni camper può essere a volte “giusto giusto” per un veicolo;
  • La disponibilità di allacci alla rete elettrica è non è sempre adeguata;
  • Non tutte le aree di sosta camper dispongono di WC e docce;
  • Le zone dedicate ai bambini non sono sempre presenti nelle aree di sosta camper;
  • In caso di problemi, può non esserci personale sul posto.

Area di sosta camper o campeggio organizzato: differenze

Preferire una delle varie tipologie di area di sosta camper oppure una struttura di campeggio organizzato è un fatto soggettivo, che risponde alle personali esigenze del camperista. In genere, le aree di sosta camper soddisfano il bisogno di massima libertà insito nella filosofia di vacanze con il camper. È chiaro che un minimo di adattamento è talvolta necessario. Diversamente, chi vuole essere sicuro di ciò che troverà, dunque preferisce prenotare in anticipo il proprio soggiorno e fare riferimento a personale addetto, tende ad optare per il campeggio organizzato. Inoltre, è risaputo che spesso gli stalli delle aree di sosta per camper sono “giusti” per un veicolo. È, appunto, questione di sapere cosa si preferisce in relazione alle proprie esigenze familiari (se si viaggia da soli, in coppia, si è già “allenati” al turismo itinerante oppure si è “novizi” magari dopo avere noleggiato un camper per la prima volta, se si viaggia con i bambini o i nostri amici a quattro zampe) e pratiche: budget, dotazione del camper, equipaggiamento, attrezzature a bordo, necessità di spazio.

La sosta prolungata

Una domanda frequente è “Per quanto tempo posso parcheggiare il camper sotto casa?”. In linea puramente teorica, anche diversi medi ma sempre se il camper occupa parcheggi delimitati dalle strisce e non oltrepassi con il suo profilo la segnaletica stradale.

Quanto analizzato fin qui serve a fare chiarezza sulle modalità di sosta durante i propri viaggi con il camper. C’è un’ultima questione da analizzare: cosa si intende per sosta prolungata? Ovvero: per quanto tempo un camper può restare parcheggiato, e dove? Esistono dei casi nei quali il camperista può essere in contravvenzione?

Prima di partire, o quando ci si avvicina ad una località di tappa durante il viaggio, è sempre bene chiedere alle autorità locali se ci sono dei divieti specifici alla sosta libera dei camper, soprattutto se si pensa di sostare per diversi giorni. Chiaramente, questo per non destare sospetti all’indirizzo del camper: che, cioè, non venga considerato come abbandonato (ed evitare di attirare l’attenzione di malintenzionati), non creare fastidio fra i residenti e non rischiare di insospettire le forze di polizia.

La sosta prolungata del camper è però sempre consentita quando il veicolo è regolarmente targato, bollato e assicurato, non crea intralcio alla circolazione dei veicoli e al passaggio dei pedoni, è parcheggiato in aree delimitate alla sosta dei veicoli, rispetta i divieti di sosta sanciti dal Codice della Strada, nel caso di sosta nelle “strisce blu” il conducente è in regola con il pagamento delle tariffe per i camper (50% di maggiorazione rispetto alle autovetture), il camper poggia sulle ruote – cioè non sui piedini retrattili – e non c’è alcuno scarico di acque reflue dal veicolo.

È fondamentale – lo ripetiamo per la sicurezza di tutti i camperisti – controllare sempre preventivamente se il territorio comunale nel quale ci si trova non abbia emanato eventuali ordinanze locali che proibiscano la sosta, in determinate circostanze, sui terreni demaniali, o che sanzionano la sosta inoperosa a carico dei veicoli oltre un certo limite di tempo.

Seguici anche sui canali social

img_pixel strip_agos

Annunci Usato

  • nissan-x-trail-1-6-dci-2wd-acenta-premium-7pp-ti
    16.799 €
    NISSAN X-Trail 1.6 dCi 2WD Acenta Premium 7Pp.ti
    Diesel
    85.000 km
    11/2014
  • alfa-romeo-giulietta-1-6-jtdm-2-105-cv-sprint-retrocamera
    12.900 €
    ALFA ROMEO Giulietta 1.6 JTDm-2 105 CV Sprint * RETROCAMERA *
    Diesel
    113.000 km
    11/2015
  • alfa-romeo-giulietta-1-4-turbo-120cv-sport-carbon-edition-unipro-cert
    18.800 €
    ALFA ROMEO Giulietta 1.4 Turbo 120cv Sport Carbon Edition UniPro Cert
    Benzina
    30.581 km
    06/2020
  • land-rover-discovery-sport-2-0-td4-150-cv-automatica-autocarro
    23.500 €
    LAND ROVER Discovery Sport 2.0 TD4 150 CV Automatica Autocarro
    Diesel
    130.313 km
    04/2016
  • toyota-rav-4-rav4-2-2-d-4d-136-cv-full-optional
    9.500 €
    TOYOTA RAV 4 RAV4 2.2 D-4D 136 CV FULL OPTIONAL
    Diesel
    114.800 km
    09/2007
  • bmw-116-d-5p-business-advantage-vetri-privacy-cl-17-navi
    29.400 €
    BMW 116 d 5p. Business Advantage VETRI PRIVACY CL 17 NAVI
    Diesel
    14.500 km
    02/2020
  • opel-insignia-1-6-cdti-136-ss-sports-tourer-innovation-2018
    18.490 €
    OPEL Insignia 1.6 CDTI 136 S&S Sports Tourer Innovation 2018
    Diesel
    58.500 km
    10/2018
  • mercedes-benz-a-180-d-automatic-business-tetto-2019
    27.990 €
    MERCEDES-BENZ A 180 d Automatic Business *tetto* 2019
    Diesel
    99.000 km
    03/2019
  • jaguar-f-pace-2-0-d-180-cv-awd-aut-prestige-2018
    31.990 €
    JAGUAR F-Pace 2.0 D 180 CV AWD aut. Prestige 2018
    Diesel
    67.000 km
    06/2018

Ti potrebbe interessare anche

page-background