FSR – Full Speed Range

C’era una volta il cruise control, molto utile per impostare una velocità di crociera a scelta e mantenerla elettronicamente lasciando il pedale dell’acceleratore. Un sistema molto comodo e anche molto utile sia per tenere sotto controllo i consumi, sia per non superare inavvertitamente i limiti di velocità. Con il passare del tempo, il cruise control si è arricchito di nuove funzionalità e, tra queste, va ricordato il Full Speed Range (FSR) che funziona anche a velocità ridotte.

A cosa serve il Full Speed Range

Il Full Speed Range serve essenzialmente per mantenere constante la distanza dal veicolo che precede. Il Full Speed Range è dotato di sensori radar posti nella parte anteriore dell’auto grazie ai quali è possibile controllare la distanza, ma anche integrare alcune informazioni sul percorso attraverso il sistema di navigazione di bordo.

Nel 1995 la Mitsubishi è stata la prima casa automobilistica ad offrire un sistema di cruise control intelligente dotato di laser che però agiva solamente sul controllo della farfalla dell’acceleratore e sul cambio automatico e non sui freni. Due anni dopo, Toyota ha lanciato il suo radar cruise control con l’aggiunta del controllo sui freni del monitoraggio a bassa velocità.

Nel 2006, sulla Lexus LS 460, è poi apparso il tracking all-speed per mantenere il controllo continuo della velocità (anche a fasi alterne in condizioni di traffico intenso e code) tra 0 e 100 km orari.

Fonte:
Altre voci di glossario Mostra tutto