ESP – Electronic Stability Program

ESP – Electronic Stability Program

L’ESP, acronimo per Electronic Stability Program o Elektronisches Stabilitätsprogramm, è il nome commerciale che indica il sistema di controllo elettronico della stabilità sviluppato dalla Bosch. Il dispositivo è in grado di correggere situazioni di sovrasterzo e sottosterzo che si verificano sia nel caso di improvviso cambio di traiettoria, sia nel caso di errata impostazione della curva. L’ESP utilizza i sensori dell’ABS per monitorare la velocità di rotazione delle ruote ed altri sensori e accelerometri per tenere sotto controllo la posizione del volante, l’imbardata e l’accelerazione. In base a tali parametri, nel caso in cui la centralina riconosce una potenziale situazione critica, il sistema interviene per ristabilizzare l’assetto del veicolo frenando le singole ruote e agendo sull’erogazione del motore.

Versioni più evolute del dispositivo sono in grado di monitorare anche la stabilità del rimorchio e ripristinarla in caso di criticità. Il controllo elettronico della stabilità è stato ingegnerizzato e commercializzato dalla Bosch a partire dal 1995, anno in cui ha debuttato nella gamma Mercedes-Benz. Attualmente ha una larga diffusione sulle auto nuove di tutti i segmenti di mercato. L’Unione Europea lo ha reso obbligatorio a partire dal 1° gennaio 2011 per i veicoli di nuova omologazione e da novembre 2014 per i veicoli di nuova immatricolazione.

Fonte:
Altre voci di glossario Mostra tutto