Airbag

L’airbag è un dispositivo di sicurezza passiva installato nell’abitacolo delle auto. Si tratta di una sacca che si gonfia automaticamente in caso di urti ad elevata energia, al fine di proteggere gli occupanti dall’impatto contro elementi degli interni.

Come funziona un airbag

Se si verifica un incidente, degli appositi sensori rilevano la forte decelerazione e innescano delle piccole cariche esplosive all’azoto, che gonfiano le sacche in pochi centesimi di secondo. Per evitare danni provocati dall’apertura dell’airbag (di fatto una piccola esplosione), è necessario allacciare sempre le cinture di sicurezza.

Applicazione degli airbag nelle auto

Brevettato dall’ingegnere John Hetrick nel 1952, l’Airbag è stato sviluppato in campo automobilistico fin dagli anni ’60, ma per il debutto commerciale si deve aspettare il 1973, quando fu montato per la prima volta sulla Oldsmobile Toronado. In Europa la prima Casa ad installare l’Airbag su un’auto di serie è stata la Mercedes-Benz nel 1980.

L’evoluzione e le tipologie di airbag per auto

Da allora il sistema si è evoluto (è stato introdotto il doppio stadio di apertura, in base all’entità dell’urto) ed è stato adattato alle più diverse parti dell’abitacolo: cruscotto, porte laterali, finestrini, lunotto e perfino l’area delle ginocchia del conducente.

La diffusione del dispositivo è molto elevata, soprattutto per quanto riguarda gli airbag frontali, che sono presenti sulla quasi totalità dei modelli in vendita. Altre tipologie di airbag sono spesso disponibili come optional. L’airbag può essere usato una sola volta e dunque dopo l’apertura a causa dell’urto deve essere sostituito.

Fonte:
Altre voci di glossario Mostra tutto