Zagato: l’evoluzione nello stile