Più di quarant’anni di carriera; una esistenza produttiva che ha attraversato il più chiuso atteggiamento politico nei confronti del mondo occidentale, la successiva fase della “Perestrojka” avviata da Michail Gorbaciov a metà anni 80, e successivamente gli stravolgimenti sociali della caduta del Muro di Berlino, la crisi del Partito comunista dell’Unione sovietica; l’epoca dei “new rich” russi. Il piccolo fuoristrada Lada Niva è un veicolo che sa di storia come pochi: per via della sua longeva carriera, e incidentalmente per avere accompagnato un lungo periodo fra i più articolati e tormentati nella storia del 20. secolo, e anche oltre: la sua produzione è tutt’altro che terminata: si attende, prima o poi, una sua erede, come reso noto dai vertici Lada-Vaz in occasione del Salone di Mosca 2016. Staremo a vedere. (Continua >>)

Più di quarant’anni di carriera; una esistenza produttiva che ha attraversato il più chiuso atteggiamento politico nei confronti del mondo occidentale, la successiva fase della “Perestrojka” avviata da Michail Gorbaciov a metà anni 80, e successivamente gli stravolgimenti sociali della caduta del Muro di Berlino, la crisi del Partito comunista dell’Unione sovietica; l’epoca dei “new rich” russi. Il piccolo fuoristrada Lada Niva è un veicolo che sa di storia come pochi: per via della sua longeva carriera, e incidentalmente per avere accompagnato un lungo periodo fra i più articolati e tormentati nella storia del 20. secolo, e anche oltre: la sua produzione è tutt’altro che terminata: si attende, prima o poi, una sua erede, come reso noto dai vertici Lada-Vaz in occasione del Salone di Mosca 2016. Staremo a vedere. (Continua >>)

Tutto su: Lada Niva