Peugeot: a Courmayeur per testare l’Advanced Grip Control

Cinque modalità di guida e assistenza nelle discese più ripide per viaggiare sicuri anche sui fondi a bassa aderenza.

Peugeot: a Courmayeur per testare l’Advanced Grip Control

di Valerio Verdone

28 Febbraio 2019

La Peugeot ha precorso i tempi lanciando sul mercato nel 2009 un dispositivo che aiuta il conducente anche in situazioni difficili, di scarsa aderenza, senza dover ricorrere alla trazione integrale. Si chiama Grip Control ed ha debuttato con la 3008 di prima generazione per poi essere rivisto nel 2016 divenendo l’Advanced Grip Control, arrivando sempre insieme alla 3008, ma in questo caso sulla nuova, che da crossover è diventata un vero e proprio SUV.

Attualmente questo sistema, che sostanzialmente simula l’azione di un differenziale anteriore, è disponibile su 5 modelli: 2008, 3008, 5008, Rifter e Traveller. Il costo varia da 0 a 1.200 euro a seconda della vettura presa in considerazione e dell’allestimento, ma si tratta di un accessorio a cui è difficile rinunciare.

Il perché l’abbiamo verificato direttamente su un tracciato a bassa aderenza presso Courmayuer. Infatti, in un contesto tanto scenografico quanto ideale, abbiamo potuto sperimentarne direttamente gli effetti. Siamo partiti con una 2008 e, sulla neve, la vettura è riuscita a passare anche in dei tratti con profondi solchi, ovviamente selezionando l’apposita modalità, che rimane attiva fino a 50 km/h e che, aumentando lo slittamento delle ruote anteriori favorisce l’accumulo di neve nei tasselli degli pneumatici M+S e quindi incrementa la trazione.

Sempre sulla neve siamo passati al volante di una 3008, chiaramente in modalità neve, e abbiamo sfidato in una gara d’accelerazione con partenza da fermo una vettura analoga ma priva dell’Advanced Grip Control. Il risultato? Con il sistema attivato l’auto scatta meglio, è più stabile, ed acquista rapidamente velocità senza incertezze.

Chiaramente, ci sono anche altre 4 modalità disponibili e selezionabili dal controller sul tunnel centrale: Normal, Fango, Sabbia e ESP Off. Nel primo caso l’auto tende a ridurre le perdite d’aderenza automaticamente, nel secondo consente di uscire fuori da situazioni difficili trasmettendo più coppia motrice alla ruota con maggiore aderenza (funziona fino ad 80 km/h), nel terzo invece le ruote ricevono la stessa coppia su entrambe le ruote motrici al fine di non affondare (modalità che rimane attiva fino a 120 km/h). Inoltre, disattivando i controlli il guidatore può scegliere di avere una totale libertà al volante, ma solamente fino a 50 km/h.

Ma l’Advanced Grip Control si rivela un valido alleato anche nelle discese più ripide visto che può dispensare il conducente dall’intervento sui pedali del freno e dell’acceleratore fino a 30 km/h con il primo rapporto inserito. Oppure, nelle pendenze superiori al 5%, lasciando il cambio in folle e funzionando fino ad una velocità di 3 km/h. Nel corso della prova in discesa, a bordo del Rifter, si avvertiva nettamente il grande lavoro dell’elettronica sull’impianto frenante.

Insomma, con questo sistema la Peugeot ha risposto alle esigenze del mercato, visto che le auto a ruote alte vengono vendute prevalentemente a due ruote motrici, aumentando nel contempo la sicurezza in condizioni difficili senza gravare su consumi ed emissioni.

E la clientela ha premiato la Casa del Leone, visto che, nel 2018, il 40% delle 2008 è stato scelto con questo dispositivo, la 3008 è arrivata al 65%, mentre la 5008 al 56%. Dati interessanti anche per quanto riguarda le percentuali di Rifter e Traveller immatricolate nello stesso periodo, rispettivamente, per il 45% ed il 33% con l’Advanced Grip Control.

Tutto su: Peugeot 2008