Auto elettriche, Volkswagen: verso una totale sostenibilità del veicolo

Oltre 1 milione di tonnellate di CO2 in meno all’anno: è l’obiettivo complementare alla strategia di sviluppo VW verso la nuova mobilità elettrica. Ecco come.

Uno dei capitoli riguardo allo sviluppo della mobilità riguarda i progetti a salvaguardia dell’ambiente. Ovvero: come la nuova produzione automotive viene incontro all’Accordo di Parigi sul clima, e come vengono poste le basi per una nuova mobilità sostenibile attraverso le rispettive lineup “zero emission”: una fase cruciale per la tecnologia di trasporto – pubblico e privato – e verso la quale i riflettori sono puntati in occasione dell’imminente Salone di Ginevra (in programma da giovedì 7 a domenica 17 marzo), in cui gran parte dei big player del comparto automotive presenteranno rispettive novità a propulsione elettrificata, vale a dire ibrida, ibrida plug-in, mild hybrid e 100% elettrica.

Volkswagen, in questo senso, non fa eccezione. A Ginevra, verrà esposto il concept e-Buggy, ulteriore dimostrazione delle possibilità di impiego della piattaforma modulare MEB-Modularer Elektrischebaukasten (e numerose altre sono le novità dei “brand” che fanno capo al Gruppo VAG: da Audi Q4 e-tron concept, al prototipo crossover-coupé Skoda Vision iV – entrambe, peraltro, allestite sulla medesima piattaforma MEB -, per restare in tema di elettromobilità; e, fra le altre, le “new entry” ibride ed ibride ricaricabili Audi Q5 Hybrid Plug-in, Audi A7 e-tron ed Audi A8 e-tron, nonché Volkswagen Passat GTE ibrida plug-in).

VW: obiettivo sostenibilità con la gamma I.D.

I vertici del colosso di Wolfsburg, protagonista in negativo del “Dieselgate” esploso nell’autunno del 2015 e che, se in questa prima fase “post-scandalo” un risultato l’ ha ottenuto, ciò consiste nell’avere dato il “la” ad una concreta accelerazione di programmi eco friendly, puntano in queste ore ad un nuovo ruolo per la prossima gamma I.D., che verrà prodotta nelle linee di montaggio di Zwickau e che vedrà nella berlina compatta Volkswagen I.D. il modello capofila: si tratta, nel dettaglio, di un ruolo “pionieristico”. Ovvero: VW I.D. sarà, indicano i “piani alti” Volkswagen, “La prima auto del Gruppo a bilancio neutro di CO2 se il suo proprietario la ricaricherà regolarmente con energia ‘verde’”. Di più: si intende offrire al processo di produzione un impatto climatico neutro, preludio ad un programma di decarbonizzazione complessiva che include misure per altri modelli. Del resto, sottolinea Volkswagen, saranno più di 20 le novità ad alimentazione 100% elettrica che verranno proposte sul mercato entro il 2025.

I vertici Volkswagen: produzione ad impatto neutro

Emblematica, in questo senso, l’indicazione di Thomas Ulbrich, membro del CdA Volkswagen e responsabile della mobilità elettrica: “Il cambiamento climatico è la più grande sfida della nostra epoca. Come Volkswagen ci stiamo assumendo tale responsabilità: la nuova I.D. sarà la prima auto elettrica del Gruppo con produzione a impatto neutro. Per assicurare che rimanga senza emissioni per l’intero ciclo di vita, stiamo lavorando a tanti livelli per usare energia ‘verde’. Una mobilità davvero sostenibile è possibile se la vogliamo tutti e tutti ci lavoriamo”.

L’impegno verso una nuova mobilità eco friendly non soltanto dal punto di vista dell’utilizzo, ma anche relativamente ai processi di produzione, viene così sintetizzato da Georg Kell, direttore fondatore del Global Compact delle Nazioni Unite e portavoce del Concilio di Sostenibilità del Gruppo Volkswagen: “Le emissioni di CO2 prodotte dalle attività umane devono essere ridotte il più rapidamente possibile. Sin dalla fondazione, il Concilio di Sostenibilità Volkswagen si poneva il traguardo di assicurare la salvaguardia del clima fra le priorità strategiche del Gruppo. VW sta perseguendo l’approccio giusto con I.D. e la gamma elettrica. È arrivato il tempo di mettere in pratica questo piano”.

Produzione ad impatto CO2 neutro

Nel dettaglio, l’obiettivo di riduzione delle emissioni di CO2 viene focalizzato, con Volkswagen I.D., quale base dell’intero programma di sviluppo. E si tratta, indica una nota tecnica diramata da Wolfsburg in queste ore, di una strategia che interessa l’intera catena dei valori. A partire dalle celle delle batterie, che verranno prodotte in Europa e la cui energia proverrà da fonti “green”; all’approvvigionamento di materie prime sostenibili, attualmente in fase di studio con l’aiuto di partner di fornitura diretti ed indiretti. Fino alla concretizzazione dello sviluppo di programmi che compensino le “inevitabili” emissioni a Zwickau (impianto che già utilizza energia prodotta da fonti rinnovabili) con strategie di investimento in progetti ambientali certificati. “Grazie a tutto ciò – puntualizza VW – la nuova I.D. verrà prodotta, fin dall’inizio, con impatto CO2 neutro”.

Industria e politica per un percorso ecosostenibile

Oltre alla stima di investimenti per circa 9 miliardi di euro nello sviluppo della mobilità elettrica entro il 2023 (dopo I.D. debutteranno, nell’ordine, il SUV I.D. Crozz, il minibus I.D. Buzz e la berlina tre volumi di fascia media I.D. Vizzion), Volkswagen dichiara di supportare espressamente “La transizione programmata della Germania verso l’energia sostenibile. Anche oltre la trasformazione energetica, la svolta della mobilità elettrica è possibile solo grazie a un’alleanza con la politica. Dalle norme sulle abitazioni all’espansione dell’infrastruttura pubblica di ricarica, l’obiettivo dovrebbe essere di rimuovere rapidamente le barriere sulla strada dell’auto elettrica”.

Da segnalare, in questo senso, la raccomandazione verso l’impiego di energia da fonti rinnovabili (eolico, idroelettrico) per la ricarica delle auto “zero emission”: Elli, la nuova controllata Volkswagen, ha cominciato di recente a offrire elettricità da fonti rigenerate sotto il nome di Volkswagen Naturstrom. La rete di ricarica rapida IONITY creata da alcuni grandi nomi dell’industria automotive (Volkswagen compresa) offrirà energia “verde” in circa 400 stazioni di ricarica sulle autostrade europee, dove possibile.

Volkswagen I.D. Buzz Cargo al Salone di Los Angeles 2018 Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Volkswagen ID.3: l’elettrica al Salone di Francoforte 2019

Altri contenuti