No smog mobility: la visione di PSA sulla mobilità del futuro

Redazione
19 Ottobre 2018
MARCO FRESCHI

A Palermo due giorni per riflettere sulle evoluzioni sostenibili del mondo dell’automobile: vi illustriamo la strategia del Gruppo PSA per i prossimi anni.

Il capoluogo siciliano è stato immortalato come città simbolo del traffico nella folgorante battuta pronunciata da Paolo Bonacelli in “Johnny Stecchino” di Roberto Benigni. Le cose però stanno cambiando e proprio da Palermo stanno arrivando idee innovative che riaprono il dibattito sulla mobilità presente e futura. Il merito di questa rivisitazione di Palermo come “think tank” della mobilità cittadina di domani viene da “No smog mobility”, appuntamento organizzato da Italpress e Sicilia Motori, che arrivato alla ottava edizione ha cercato, ed è riuscito, a riassumere le tendenze e le tecnologie che ruotano attorno alla mobilità sostenibile prossima ventura che già oggi sta ridefinendo gli spostamenti nelle nostre città.

Sharing mobility, auto elettriche e ibride, guida autonoma, ma anche nuove (o vecchie) forme di servizio pubblico (la rinascita del tram ad esempio) sono state al centro degli interventi che si sono succeduti in due giorni intensi di dibattito che ha coinvolto anche gli studenti universitari della facoltà di ingegneria dell’università di Palermo. Tra le visioni della mobilità del futuro più concrete e legate a un’attenta analisi delle esigenze della clientela c’è sicuramente quella del Gruppo PSA, che ha al suo interno brand come Citroen, Peugeot, DS e Opel, quindi è certamente una delle realtà più interessanti per capire dove andrà l’automobile nei prossimi anni.

Marco Freschi, Responsabile della Comunicazione Corporate di PSA, è stato molto chiaro nel suo speech sulla strategia del gruppo: “la nostra scelta è di proporre un’offerta multi-energia intelligente. Il motore elettrico e quello termico conviveranno ancora per molti anni, quindi bisogna essere molto pragmatici. Il nostro è un gruppo molto pragmatico che vuole partire dalle esigenze dei clienti e offrire tutte le motorizzazioni possibili che possano giovarsi di tutte le tecnologie, quindi benzina, diesel, elettrico e ibrido.”

In ciascuna di queste tecnologie PSA ha sempre puntato al massimo della sostenibilità lanciando già nel 1995 la sua prima vettura elettrica, con batterie al piombo, poi il diesel HDi nel 1998, il filtro antiparticolato nel 2000, lo stop and start nel 2004, il primo ibrido diesel nel 2012. Anche rispetto agli standard europei, ha continuato Marco Freschi nel suo intervento, “saremo ben al di sotto del limite di 95 grammi di CO2 arrivando a 91 grammi come gruppo”. Questo risultato è frutto, secondo Freschi, dell’offerta diversificata di PSA che ha puntato ad offrire sempre motori performanti ed efficienti. La roadmap del Gruppo francese al 2025 è molto ambiziosa e consiste nella proposta di una versione elettrificata per ogni modello in gamma. Lo step intermedio però sarà tangibile già nel 2021 dove il gruppo avrà 15 modelli green, di cui 7 fully electric ed 8 ibridi.

La scelta di questa roadmap per PSA è basata sui dati di mercato, come affermato da Marco Freschi: “Nel mondo i veicoli a basse emissioni si decuplicheranno nei prossimi 10 anni e noi vogliamo essere pronti con un’offerta adeguata per i nostri clienti. Attualmente il Gruppo ha già delle vetture in gamma, ma già dal prossimo anno arriveranno nuovi modelli con maggior autonomia grazie a batterie di ultima generazione e sistemi di ricarica più veloci”.

La piattaforma che farà da base per le ibride plugin di segmento D e C (i SUV) sarà la EMP2 mentre per le citycar ci sarà una piattaforma 100% elettrica che garantirà 300 km reali di autonomia (ciclo WLTP) e un motore elettrico che arriva a 130 CV di potenza massima. Rivolgendosi al pubblico in sala, composto prevalentemente da studenti universitari, Marco Freschi ha voluto anche sottolineare come la continua evoluzione e il miglioramento tecnologico che riguarda l’automobile apra anche nuove possibilità di lavoro per i giovani: “credo sia un momento interessante per il mondo dell’auto, complesso per certi versi, ma ricco di opportunità anche in termini di posti di lavoro che potranno essere creati grazie alle nuove tecnologie che stanno ridisegnando il mondo dell’auto”.

 

a cura di Matteo Campofiorito

Seguici anche sui canali social

Annunci Usato

  • audi-q3-2-0-tdi-177-cv-quattro-s-tronic-6
    14.100 €
    AUDI Q3 2.0 TDI 177 CV quattro S tronic
    Diesel
    215.000 km
    04/2012
  • bmw-316-d-touring-business-advantage-aut-29
    22.500 €
    BMW 316 d Touring Business Advantage aut.
    Diesel
    67.300 km
    02/2018
  • iveco-ecodaily-35s-3-0-n-power-solo-32-935km
    13.990 €
    IVECO Ecodaily 35S 3.0 N. Power SOLO 32.935KM
    Benzina/Metano
    32.935 km
    07/2011
  • kia-sportage-1-7-crdi-2wd-cool-29
    18.999 €
    KIA Sportage 1.7 CRDI 2WD Cool
    Diesel
    99.000 km
    02/2018
  • hyundai-tucson-1-7-crdi-comfort-21
    18.500 €
    HYUNDAI Tucson 1.7 CRDi Comfort
    Diesel
    92.000 km
    08/2017
  • nissan-qashqai-1-5-dci-115-cv-business-21
    21.500 €
    NISSAN Qashqai 1.5 dCi 115 CV Business
    Diesel
    31.600 km
    02/2019
  • nissan-qashqai-1-5-dci-business-68
    18.600 €
    NISSAN Qashqai 1.5 dCi Business
    Diesel
    90.000 km
    05/2018
  • ford-s-max-1-8-tdci-125cv-6
    8.900 €
    FORD S-Max + 1.8 TDCi 125CV
    Diesel
    150.180 km
    01/2008
  • hyundai-ix20-1-6-crdi-115-cv-app-mode
    7.000 €
    HYUNDAI iX20 1.6 CRDI 115 CV APP MODE
    Diesel
    65.000 km
    06/2013

Ti potrebbe interessare anche

page-background