Mercedes: dieci nuovi modelli elettrici entro il 2022

Con il marchio EQ, Daimler – Benz accompagnerà il lancio di una nuova gamma elettrica: il via nel 2019 con la crossover presentata a Parigi 2016.

Con il marchio EQ, Daimler – Benz accompagnerà il lancio di una nuova gamma elettrica: il via nel 2019 con la crossover presentata a Parigi 2016.

Mercedes punta sulle auto elettriche. E non al 2025, come reso noto in un primo momento, bensì entro il 2022. L’obiettivo, che prevede il lancio di una lineup tutta nuova di almeno dieci modelli a zero emissioni entro tre anni, è stato comunicato nelle scorse ore dai vertici Daimler in occasione dell’assemblea annuale degli azionisti del Gruppo di Stoccarda, insieme all’anticipazione dei risultati operativi per il primo trimestre 2017 (che si annuncia in crescita rispetto al primo trimestre 2016), nonché alla conferma degli obiettivi in termini di utili e fatturato per il 2017.

Confermato il “sub – brand” che accompagnerà la gamma elettrica, ovvero “EQ“: sarà il nome con il quale verranno marchiate le novità zero emissioni della Stella a Tre Punte di nuova generazione: “Generation EQ“, come si ricorderà, era la denominazione scelta per il prototipo elettrico svelato lo scorso ottobre al Salone di Parigi, e già in quell’occasione indicato come modello – base di una gamma tutta nuova di auto elettriche: berline tre volumi, vetture di dimensioni compatte e Suv. E sarà proprio la crossover Generation EQ (la indichiamo, per il momento, con il nome scelto per la concept di Parigi 2016) ad aprire la strada, nel 2019, alla nuova lineup e al nuovo marchio EQ.

Ricordiamo brevemente che Mercedes Generation EQ Concept è un inedito modello elettrico equipaggiato con un powertrain modulare – formato da due motori elettrici: uno collegato all’avantreno, il secondo al retrotreno – in grado di fornire un’autonomia di marcia da 500 km. L’alimentazione viene fornita da batterie agli ioni di litio, da oltre 70 kWh, sviluppate dalla partecipata Accumotive: il sistema di ricarica sarà compatibile con lo standard europeo CCS – Combined Charging System, e – secondo quanto comunicato dai vertici Daimler in occasione della presentazione di Generation EQ al Salone di Parigi – permetterà di raggiungere il fatidico obiettivo di 100 km di autonomia con una sosta di 5 minuti alla stazione di ricarica.

L’anticipazione di tre anni rispetto ad una precedente tabella di marcia per lo sviluppo di una nuova gamma di modelli elettrici da parte di Daimler – Benz può essere vista come una strategia concorrenziale nei confronti degli altri big player Bmw e Vag – Volkswagen Audi, che hanno già impostato una aggressiva strategia di sviluppo della propulsione elettrica. Per non parlare di Tesla.

I progetti hi-tech per Daimler – Benz verso una nuova gamma di modelli elettrici procederanno di pari passo con lo sviluppo tecnologico applicato al programma  C.A.S.E. (Connected, Autonomous, Shared, Electric), che raggruppa le quattro macro-aree di sviluppo tecnologico pronte ad integrarsi e complementarsi le une con le altre. Il progetto, reso noto nei giorni scorsi, traccia una nuova strategia per le future soluzioni “always on”: l’auto sarà sempre più connessa, a tutto vantaggio della sicurezza di marcia, del comfort a bordo, della rapidità di spostamento e delle funzionalità dei dispositivi di equipaggiamento.

 

Mercedes-Benz Generation EQ Concept Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Audi A6 Allroad e Mercedes AMG GLE Coupé: la prova

Altri contenuti