Scandalo emissioni: anche le ibride nell’occhio del ciclone

Francesco Donnici
05 Ottobre 2015
Scandalo emissioni: anche le ibride nell’occhio del ciclone

Dagli Usa arrivano nuove accuse relative alle emissioni truccate che questa volta riguarderebbero le auto ibride

Trends: Emissioni auto

Dagli Usa arrivano nuove accuse relative alle emissioni truccate che questa volta riguarderebbero le auto ibride

L‘International Council of Clean Transportation (Icct) – l’ente americano che ha smascherato le centraline truccate dalla Volskwagen – ha lanciato una nuova e pesantissima accusa: anche i valori di emissioni delle auto ibride e ibride Plug-in sarebbero state oggetto di un’alterazione da parte delle Case Costruttrici.

Tra le vetture “incriminate” ci sarebbe ad esempio la Mitsubishi Outlander PHEV, la vettura ibrida Plug-in più diffusa in Europa, ma anche marchio celebri come Bmm e Audi dichiarano consumi in media del 30% inferiori al reale, Mercedes del 26%, Fiat del 24%, Peugeot-Citroen del 16% e Toyota del 15%.

Nel corso degli anni, il divario tra i consumi reali e quelli dichiarati sembra sia diventato sempre più consistente secondo quanto riportato dall’Icct, nel 2001 lo scostamento medio era del 10%, nel 2011 è diventato del 25%. Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, sottolinea il fatto che praticamente tutte le Case automobilistiche internazionali barano in modo sistematico sui dati relativi ai  consumi e alle emissioni inquinanti, invitando per questo motivo a diffidare dei dati ufficiali riportati dai Costruttori.

Seguici anche sui canali social

Annunci Usato

Ti potrebbe interessare anche

page-background