Gruppo VW: per il CEO Diess le auto termiche non scompariranno

Valerio Verdone
27 Gennaio 2022
HermannDiess-CEOVolkswagengroup-impossibilefineautotermiche-

E’ necessario convertire la produzione di energia utilizzando fonti rinnovabili e valutare la situazione nazionale di ogni mercato.

I nuovi modelli elettrici si susseguono, le nuove auto promettono autonomie sempre più ampie, propongono batterie sempre più grandi, ma, all’atto pratico, i punti di ricarica in grado di far fronte alla richiesta energetica di veicoli così performanti sono sempre inferiori alle reali necessità, sia nel numero che nella capacità di erogare corrente continua ad una soglia di kW tale da rendere agili i rifornimenti energetici. Recentemente, in una sortita nel territorio italiano, Herbert Diess, CEO del Gruppo Volkswagen, ha ammesso con animo piccato quanto la rete Ionity non avesse soddisfatto le sue aspettative durante un viaggio al volante della nuova ID.3. Adesso, Diess è tornato sull’argomento, ammettendo che, attualmente, dire addio alle auto con motore termico è praticamente impossibile.

Un mercato fatto di elettriche al 50% entro il 2030 è ambizioso

Lo stesso Diess, nel corso di un’intervista a The Verge, ha affermato come l’obiettivo di arrivare ad un mercato la cui quota sia composta al 50% di auto elettriche entro il 2030 sia particolarmente ambizioso. Il CEO del Gruppo Volkswagen si riallaccia così alle parole di Carlos Tavares, Amministratore Delegato di Stellantis, che ha definito l’elettrificazione della mobilità come una necessità “imposta” dalla politica. Inoltre, si allinea alle considerazioni espresse, a suo tempo, dal Presidente della Toyota, Akyo Toyoda, ammettendo che le auto elettriche hanno senso solo se l’energia è rinnovabile. In nazioni che basano la produzione di energia elettrica sul carbone, non ha senso vendere veicoli elettrici. Si pensi alla Polonia. Prima di vendere le auto elettriche dobbiamo convertire il settore primario alle energie rinnovabili al 100%”. Insomma, a quanto pare, dire addio alle auto termiche, al momento, per Diess, è semplicemente “impossibile”.

Reperimento del personale e operatività a rischio

Parlare di una data come quella del 2030 inoltre, pone dei traguardi altamente difficili da raggiungere, visto che è palese la difficoltà nel reperire personale specializzato nella costruzione di questo genere di veicoli, e che i grandi impianti dovranno essere pronti a viaggiare a pieno regime già dal 2027-2028 per soddisfare la richiesta produttiva. Non è un caso inoltre, se i costruttori non sono perfettamente allineati sulla cessazione della produzione delle vetture a motore termico. In questi mesi abbiamo assistito a proclami differenti, e la sensazione è che si vada più verso una massiccia elettrificazione piuttosto che nella creazione di veicoli esclusivamente elettrici. Certo, quest’ultimi cresceranno nel numero delle proposte, e la loro tecnologia verrà implementata, ma probabilmente andranno ad affiancare le vetture ibride senza sostituirle interamente, almeno che non avvengano cambiamenti significativi nella produzione dell’energia elettrica.

Volkswagen ID.5: nuove immagini ufficiali

Seguici anche sui canali social

I Video di Motori.it

Volkswagen ID3: prima prova

Annunci Usato

Ti potrebbe interessare anche

page-background