Hyundai: a Francoforte la prima auto da corsa elettrica

Primi dettagli “di massima” sulla novità racing Hyundai per il Salone di Francoforte: progetto e realizzazione sono a cura della Divisione Motorsport.

C’è qualcosa di nuovo fra le strategie di sviluppo programmate da Hyundai: un “new deal” che procede di pari passo con la veloce evoluzione della filiera automotive globale, e in rapporto allo scenario hi-tech della mobilità (sempre meno “futura” e sempre più “vicina”) punta i riflettori sulle tecnologie di connettività, guida autonoma ed elettrificazione. Tanto dal punto di vista della produzione destinata alla grande serie, quanto relativamente all’impegno ufficiale nelle competizioni. Queste ultime, dal canto loro, rappresentano una voce da tempo scritta a grandi lettere sui taccuini delle priorità dei vertici coreani, i quali, attraverso la Divisione Hyundai Motorsport creata ufficialmente a fine 2012 e con sede ad Alzenau (Germania), vedono nelle corse un veicolo di sicura promozione dell’immagine del marchio e dello sviluppo tecnologico.

Come sarà la prima auto da corsa elettrica Hyundai?

Un nuovo capitolo nei programmi evolutivi Hyundai in chiave sportiva verrà svelato all’imminente Salone di Francoforte (in cartellone da giovedì 12 a domenica 22 settembre): alla rassegna tedesca delle novità di mercato, Hyundai esporrà in anteprima ufficiale – accanto alla seconda generazione di i10 – la sua prima vettura da corsa ad alimentazione 100% elettrica. Il progetto viene illustrato, in queste ore, nei dettagli essenziali: più avanti saranno diffuse ulteriori notizie in merito alla ghiotta “big news” che Hyundai Motorsport ha in serbo per l’IAA 2019, dove – come accennato – l’emanazione sportiva Hyundai “gioca in casa”.

Il team: “Estendere le nostre attività nel motorsport”

Altrettanto “made in Alzenau” sarà la prima Hyundai elettrica riservata alle competizioni: il progetto e la sua realizzazione vengono curati dalla medesima struttura guidata da Andrea Adamo in qualità di Team director. Il quale, pur senza entrare nei particolari tecnici del progetto (che si preannunciano decisamente interessanti), dichiara come “una nuova era sta nascendo in Hyundai Motorsport”. Per molti mesi, il nostro team ha lavorato duramente su un entusiasmante veicolo elettrico: presto saremo in grado di condividere i frutti di questo lavoro”. Il progetto – ha puntualizzato Adamo – promette di rappresentare un nuovo capitolo per la nostra Azienda, un’estensione naturale delle nostre attività nel motorsport, che si collega strettamente alle attuali tendenze ed alle innovazioni nel più ampio settore automobilistico. Non c’è molto da aspettare: tutto sarà svelato al Salone di Francoforte”.

Sarà una nuova concorrente nell’ETCR?

L’impegno Hyundai nelle competizioni si prepara, dunque, a scrivere un nuovo capitolo dopo il suo ingresso nelle principali serie agonistiche a ruote coperte (su tutte: Rally – con il belga Thierry Neuville attualmente in lizza per la conquista del titolo mondiale ed il marchio coreano in testa nella classifica parziale – e Turismo, disciplina nella quale Hyundai ha ottenuto nel 2018 il titolo mondiale WTCR con Gabriele Tarquini), arricchito dal 2015 con la nascita della Divisione Customer Racing. I riflettori vengono puntati sul motorsport “silenzioso”, vale a dire le gare riservate alle vetture “zero emission”, che dalla FIA Formula E si sono via via estese alle varie EQ fortwo e-cup (attualmente alla seconda stagione), all’I-Pace eTrophy e all’ETCR, che nei mesi passati ha avuto in Seat, attraverso il proprio “spin-off” Cupra, una delle figure di promozione. Potrebbe anzi essere (la lanciamo come ipotesi) che la prima vettura in assetto gara ad alimentazione elettrica di Hyundai sia stata sviluppata proprio in previsione di una futura partecipazione di Hyundai Motorsport nella serie Turismo elettrica.

Hyundai: 50 anni di innovazione e design Vedi tutte le immagini
Altri contenuti