In Italia le E-bike crescono del 16,8% nel 2018

In grande ascesa le E-Bike che hanno fatto segnare un aumento del 16,8% scende del 7,6% la bicicletta tradizionale.

Se l’economia in Italia non lancia segnali positivi, c’è un settore, quello delle biciclette, che va in controtendenza. Infatti, nel 2018 ne sono state vendute oltre 1,5 milioni. Un dato decisamente sorprendente se si pensa allo sviluppo degli sharing e che vede grandi protagoniste le E-Bike.

In base alle informazioni provenienti da Confindustria ANCMA, l’Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori, la produzione si attesta su oltre 2.445.000 di pezzi, e si può definire invariata, mentre la bilancia commerciale che fa segnare un + 43milioni di euro rispetto al 2017.

“Investire di più e meglio sulla cultura della bicicletta, sulle infrastrutture ciclabili e la promozione del cicloturismo nel nostro Paese può infatti creare opportunità di crescita molto importati. L’industria di riferimento  è pronta a fare la propria parte e sta dimostrando grande dinamismo e lungimiranza, ma al Governo e alle Istituzioni locali chiediamo uno sforzo in questa direzione, perché le ricadute economiche e occupazionali possono essere molto rilevanti”. Ha spiegato il presidente di Confindustria ANCMA, Andrea Dell’Orto.

Nel quadro generale comunque è doveroso annoverare il calo del 7,6% relativo alle bici convenzionali, mentre continuano a crescere in maniera significativa le E-Bike che, dopo l’incremento a doppia cifra dell’anno scorso, fanno segnare nuovamente un +16,8%, con 173.000 pezzi venduti.

Con l’introduzione dei dazi antidumping Ue sulla concorrenza sleale delle biciclette elettriche provenienti dalla Cina, il mercato mostra un più 290% in più rispetto al 2017. Numeri importanti, al pari di quelli relativi all’export delle bici a pedalata assistita, che nel 2018 ha raggiunto un valore di 42 milioni di euro: + 300% rispetto all’anno precedente.

Il fenomeno delle bici a pedalata assistita riguarda soprattutto le città dove questi mezzi vengono scelti sempre di più a danno dei motorini; un trend che consente un sostanzioso risparmio agli utilizzatori.

Altri contenuti