MXGP: in Gran Bretagna Tony Cairoli vince e consolida la leadership

Nella seconda prova della classe “regina” del Motocross “TC222” conquista Gara 1 e la classifica assoluta davanti al vincitore di Gara 2 Tim Gajser e aumenta il proprio vantaggio in ottica di Campionato.

MXGP: in Gran Bretagna Tony Cairoli vince e consolida la leadership

di Francesco Giorgi

25 Marzo 2019

Seconda vittoria stagionale “overall” (e successo “mondiale” numero 87) per Tony Cairoli, ottenuta sullo stesso tracciato nel quale a conclusione della stagione 2017, in occasione del Motocross delle Nazioni, incappò in una caduta che costrinse la “pattuglia Azzurra” a concludere al settimo posto. E rafforzamento della posizione di testa per “TC222” nella classifica parziale di campionato.

Nell’appuntamento di oltremanica della MXGP, che si è tenuto a Matterley Basin, il supercampione di Patti ha ottenuto un primo ed un secondo posto, confermando di fatto la propria leadership di campionato, e regolando ulteriormente la distanza che lo separa dal plotone degli inseguitori, su tutti lo sloveno Tim Gajser (Honda HRC), attualmente unico pilota che potrebbe essere in grado di dare del filo da torcere al portacolori Red Bull Ktm nell’ancora lungo percorso verso la conquista del decimo sigillo iridato che lo stesso Cairoli, e le migliaia di appassionati che da tempo ne seguono le imprese, auspicano.

La cronaca dell’avvincente weekend sul tracciato del South Downs National Park (Hampshire) ha visto, in Gara 1, la cavalcata iniziale di Gajser: l’iridato 2016 ha, poco dopo il via, superato Cairoli, nonostante il vantaggio di partenza di quest’ultimo, insediandosi in testa ed imprimendo al gruppo un notevole forcing, salvo abbandonare la leadership durante il terzo giro a causa di una caduta della quale il nove volte iridato ha approfittato per installarsi al primo posto e concludere così la prima frazione della seconda prova stagionale MXGP 2019. Alle spalle di Tony Cairoli ha concluso il francese Gautier Paulin (Wimo Yamaha).

Gara 2 ha vissuto sostanzialmente uno svolgimento analogo, con Tony Cairoli partito in testa e Gajser che riesce presto a superarlo. Senza commettere alcun errore, in questo caso, per intascarsi la vittoria proprio davanti al pluri-iridato siciliano, che per somma di tempi vince la “overall” del GP e vede confermarsi la Tabella Rossa. Terza posizione per lo stesso Paulin, quarto posto per il portacolori Monster Kawasaki Clément Desalle e quinta posizione per l’altro belga Jeremy Van Horebeek. Migliori prestazioni, in Gara 2 rispetto a Gara 1, per gli altri italiani: Ivo Monticelli ed Alessandro Lupino hanno terminato rispettivamente decimo e tredicesimo; Samuele Bernardini è giunto in venticinquesima posizione.

Dopo l’appuntamento di Matterley Basin, la classifica parziale della MXGP 2019 (la stagione si era aperta nel primo weekend di marzo in Argentina; si fa ancora notare l’assenza del campione in carica 2018, l’”Orange” Jeffrey Herlings che si era infortunato durante l’inverno) vede in testa Tony Cairoli (tre manche vinte su quattro) con 97 punti; secondo è Tim Gajser, a 89 punti; terza posizione per Gautier Paulina quota 74; seguono, nell’ordine, il duo belga Van Horebeek e Desalle (66 e 65 punti), Jasikonis (56), Seewer (50), Max Anstie (39), Shaun Simpson (39), Tommy Searle (38). In quindicesima posizione troviamo Alessandro Lupino (25 punti); Ivo Monticelli è diciassettesimo, con 22 punti.