Patente di guida per moto e ciclomotori: nuovi esami dal 2 gennaio

Dal 2 gennaio arrivano nuove modalità di svolgimento per conseguire le patenti A A1 A2 come annuncia una circolare del ministero.

Dal 2 gennaio entreranno in vigore nuovi metodi per svolgere gli esami di conseguimento per le patenti A, A1, A2. La data è stata ufficializzata dopo che Confarca, la confederazione italiana delle scuole guida, ha richiesto una rinvio per adeguare le piste delle autoscuole e degli uffici provinciali.

”La necessità di adottare una nuova metodologia di esame non è stata dettata né da un ‘capriccio’ della Direzione Generale Motorizzazione, né da richieste partite dall’Associazione”, ha specificato Confarca. La stessa confederazione ha affermato: ”nei primi mesi dell’anno il nostro Paese è stato avvisato dall’Unione Europea di venire sottoposto a procedura d’infrazione, in quanto gli esami della categoria A non si svolgevano secondo il dettato normativo”. Quindi il tutto deriva da una richiesta dell’Unione Europea alla quale le strutture italiane hanno dovuto adeguarsi, soprattutto per la prova da effettuare a 50 km/h.

Inoltre, Confarca sottolinea: ”la circolare specifica infatti che la nuova metodologia d’esame partirà il 2 gennaio 2019 esaudendo quanto auspicato nell’interesse della categoria e dei candidati che presumibilmente non subiranno ritardi nell’effettuazione degli esami. Il nuovo percorso di esame introduce l’obbligo del paraschiena almeno di tipo CB (Central Back Protector) per la loro effettuazione”.

Altri contenuti