Yamaha TY-E: la prima elettrica di Iwata

La Yamaha realizza la sua prima moto elettrica, la TY-E che correrà nel mondiale FIM Trial-E Cup. Si tratta di un prototipo ma segna la strada del futuro delle due ruote giapponesi.

Inizia una nuova pagina per il mondo delle due ruote di Iwata, perché con l’arrivo della nuova Yamaha TY-E siamo arrivati ad avere la prima moto elettrica della Casa. Si tratta di una moto da trial, che avrà una destinazione anche nel campo sportivo, poiché correrà nel mondiale dedicato a quella categoria, ma soprattutto ha un’importanza storica per quanto riguarda il mondo delle moto del Sol Levante. Si parla infatti di un progetto curato in ogni dettaglio, una vera e proprio moto alla giapponese, seppur elettrica, anche se in concreto rimane un prototipo. Sarà una moto provvisoria, ma ha fatto capire a tutti quanto questa sarà la strada che intraprenderanno i costruttori giapponesi, in primis Yamaha, perché l’elettrico è sicuramente il motore del futuro, anche su due ruote.

La genesi della Yamaha TY-E è interessante, perché viene dal programma di innovazione, composto da dipendenti dell’R&D della Casa dei tre Diapason a cui viene data la libertà di sfruttare parte del loro tempo per lavorare su progetti al di fuori del normale flusso di prodotto. Questo è un modo per le aziende giapponesi di superare i limiti della loro rigida pianificazione, un’opportunità per sfruttare il talento e i colpi di genio.

La moto è composta da batteria al litio e motore sincrono a magneti permanenti, da un telaio monoscocca è in carbonio, grazie al quale il peso è ridotto a 70 kg, mentre la frizione e un volano aggiuntivo servono per gestire gli ostacoli affrontati da fermi. Anche il sistema di controllo dell’erogazione si annuncia come particolarmente sofisticato.

Nel 2018 la vedremo correre nel FIM Trial-E Cup, il campionato riservato alle trial elettriche che ha debuttato l’anno scorso. Il calendario prevede due tappe, ad Auron in Francia il 14-15 luglio e a Comblain au Pont in Belgio il 20-21 luglio. In sella alla TY-E ci sarà il giapponese Kenichi Kuroyama.

Altri contenuti