Yamaha MT-07 2018: prezzi da 6.790 euro

Dopo la presentazione ad EICMA, arriva nelle concessionarie Yamaha a partire dalla fine di marzo la MT-07 al prezzo di 6.790 euro.

Abbiamo potuto conoscerla per la prima volta in occasione di EICMA: la Yamaha MT-07 è stata una delle grandi protagoniste del Salone milanese. Oggi possiamo finalmente conoscere qualcosa in più di questa due ruote di Iwata, ovvero sia il prezzo. La Yamaha MT-07 è una naked bicilindrica che nasce dalla famosa piattaforma MT che ha dato vita a versioni a tre e a due cilindri: Tracer 700 e 900,  XSR 700 e 900 fino alle naked in questione le MT-09 e MT-07. Alla fine di marzo arriva finalmente nelle concessionarie questo atteso modello, al prezzo di 6.790 euro. Il costo rimane invariato sia per la versione normale che per la versione depotenziata da 35 kw che può essere guidata anche da coloro che posseggono solamente la patente A2.

Il motore non cambia rispetto alla versione 2017, infatti resta sempre l’apprezzato bicilindrico parallelo da 698 cm3, capace di 74,8 CV e omologato Euro 4. Tutto il resto invece cambia, a partire dal design della moto, aggiornato in modo significato e disegnato con linee più attuali e aggressive. Con le nuove forme cambia anche la posizione di guida, grazie a una nuova sella che migliora il comfort sia per il pilota sia per il passeggero. Per il miglioramento del comfort e delle prestazioni è stato rivisto il settaggio delle sospensioni, che, promette la casa di Iwata, saranno più efficaci in tutte le situazioni.

Queste modifiche erano necessarie per dare freschezza ad un modello che resisteva invariato sul mercato da ben quattro anni, con 80.000 unità vendute. Tra le colorazioni con cui è possibile scegliere la moto ci sono: Night Fluo, Yamaha Blue e Tech Black. Quindi dalla fine di marzo sarà possibile acquistare la nuova Yamaha MT-07 2018 nelle concessionarie dei tre diapason al prezzo di 6.790 euro. Molte cose cambiano ma la sua natura rimane intatta, cioè quella di essere un mezzo trasversale, adatto sia ai neofiti che ai motociclisti più smaliziati.

Altri contenuti