Suzuki GSX-R 1000: un esemplare in onore di Lucchinelli

Suzuki rende omaggio a Marco Lucchinelli, che in sella alla RG500 conquistò il titolo mondiale nel 1981, nella classe regina del motomondiale.

Nel 1981 un pilota italiano si è laureato campione del mondo della 500cc, allora classe regina. Il suo nome è Marco Lucchinelli, detto Lucky, che in sella alla Suzuki è riuscito a conquistare questo strepitoso traguardo. Durante lo scorso GP del Mugello, Marco Lucchinelli è entrato a far parte della Hall of Fame del Motomondiale, un onore riservato a pochi altri piloti quali: Giacomo Agostini, Michael Dohann, Daijirō Kato, Casey Stoner, Marco Simoncelli, Kenny Roberts jr e Nicky Hayden. Per omaggiare la nuova MotoGP Legend, la casa di Hamamatsu ha realizzato una GSX-R 1000 in onore di Lucchinelli, uno dei piloti italiani più amati di questo sport.

La GSX-R 1000 in edizione speciale Lucchinelli è una due ruote one-off che prende spunto dalla RG500 campione del mondo nel 1981. A prima vista si nota come la carena abbia adottato le grafiche dell’epoca, mentre la lo scarico è stato realizzato ad hoc da SC Project. Il progetto grafico è nato dal Centro stile Suzuki Italia, ed è frutto del talento del chief designer Yasuhiro Nikaido, mentre la realizzazione è stata compiuta da Rizzi Design.

Marco Lucchinelli ha esordito nella categoria regina nel 1976 con Suzuki, chiudendo la prima stagione con tre piazzamenti sul podio e il quarto posto in classifica generale. Dopo tre anni contraddistinti da una sorta di apprendistato, con risultati altalenanti, nel 1980 arriva la prima vittoria nel mondiale, quando in Germania passò per primo sotto alla bandiera a scacchi. Quell’annata fu determinante per gettare le basi per la vittoria mondiale, tanto che Lucchinelli ottenne un ottimo quarto posto in classifica piloti.

Il 1981 fu l’anno del trionfo: Lucky vinse cinque gare, e ottenne un secondo e un terzo posto, che gli consentirono di conquistare il Mondiale. Nel 1982 Lucchinelli, su Honda, ebbe un brutto incidente a Salisburgo, senza particolari conseguenze, ma da allora non è più riuscito a lottare per il titolo. Il ritiro dalle corse è alla fine degli anni 90. Adesso Suzuki vuole rendere omaggio ad un pilota che l’ha resa vincente nella classe regina del Motomondiale.

Altri contenuti