EICMA 2017: novità e informazioni utili

Le principali novità che vedremo su strada nel 2018, gli eventi paralleli, l’innovazione e uno sguardo sulla mobilità futura: ecco una guida all’Esposizione Internazionale Ciclo e Motociclo numero 75.

Uno stile di vita. Una passione. E, nell’ottica del continuo sviluppo tecnologico, anche un valido strumento che aiuta a concepire la mobilità del futuro in continuo rinnovamento e che vede l’Italia ai primi posti nel mondo per interesse verso il mondo delle due ruote. Nasce su questa filosofia l’EICMA 2017, edizione numero 75 dell’Esposizione Internazionale Ciclo e Motociclo, che apre al pubblico domani (giovedì 9 novembre) per concludersi domenica 12.

La “quattro giorni” di Milano catalizza l’attenzione del comparto mondiale della moto sulla metropoli lombarda, e sull’Italia motociclistica in generale, in una situazione di mercato che dimostra una generale crescita (il volume vendite globali, in rapporto al 2016, registra un aumento del 7,9%; ad ottobre, la crescita è del 22,6%).

All’EICMA 2017, tutto ciò si traduce in ben 150 anteprime mondiali, in un corollario di eventi che tengono banco anche oltre le date di svolgimento della kermesse, e che interessano numerose aree metropolitane milanesi (come avviene, ad esempio, con la Settimana della Moda e con il design) e in un padiglione in più – il 18 – nel complesso fieristico di Rho-Fiera Milano.

Alcune cifre che testimoniano la grande importanza del settore delle due ruote nel panorama industriale internazionale: all’EICMA 2017 sono attesi 1.626 espositori (il 14% in più rispetto all’edizione 2016; e, altrettanto importante, per il 60% provenienti da 40 Paesi), che verranno collocati nei padiglioni  9-11, 13-15, 18, 22-24.

EICMA 2017: ecco le principali anteprime

Fra moto, bici e accessori, l’edizione 2017 del “Salone” conterà circa 150 anteprime (alcune di queste, in special modo giapponesi, svelate al recentissimo Salone di Tokyo che ha tenuto banco nei giorni scorsi: si tratterà, dunque, per la maggior parte degli appassionati, di novità assolute).

Fra queste, segnaliamo la versione in chiave Model Year 2018 di Honda Gold Wing (la “cruiser” di riferimento della Casa fondata da Soichiro Honda, che si presenta profondamente aggiornata, e adeguata alle normative Euro 4, dopo più di 40 anni di presenza nei listini Honda), gli attesi scooter PCX Electric e PCX Hybrid e la “estrema” Africa Twin Adventure; la Neo Sports Café (concept-bike dalle linee rétro e dalla tecnologia moderna), la piccola CB125R, la “media” CB300R e la poderosa CB1000R; le Kawasaki Z900RS (una riproposizione in chiave attuale della storica Z1 900 del 1972) e Ninja 400; da Suzuki, la classicheggiante SV 650 X; e da Yamaha la sorprendente Niken 847 cc da 115 CV a tre ruote, nonché Tracer 900 e 900 GT, la “naked” MT-07 in edizione MY 2018 e Ténéré 700 World Raid.

Lo stand Harley Davidson promette numerose novità: la inedita Sport Glide (sviluppata sulla piattaforma H-D Softail ed equipaggiata con l’unità V-Twin Milwaukee-Eight 107), cruiser custom dall’immagine decisamente aggressiva e dotata di carena amovibile e borse laterali, idonea ai lunghi viaggi così come agli spostamenti quotidiani più brevi; le Road King e Street Rod, oltre ad una lineup di otto nuove custom che completano la nuova gamma Softail (Fat Boy, Heritage Classic, Low Rider, Softail Slim, Deluxe, Breakout, Fat Bob e Street Bob) dotate dei nuovi motori Milwaukee-Eight 107 e 114.

Ritorniamo brevemente sulle novità “eastern”: dall’oriente segnalano, all’EICMA 2017, la presenza di Maxsym TL1, maxiscooter Sym, e due new entry by Kymco.

La produzione British si incentra, al “Salone” 2017, sulle numerose novità a marchio Triumph: la storica Casa di oltremanica svela, all’EICMA, la Speed Twin a motore bicilindrico frontemarcia da 1,2 litri raffreddato a liquido per 80 CV a 6.550 giri/min “ereditato” dalla lineup Bonneville allo stesso modo del telaio doppia culla in acciaio; la nuova serie della maxi-enduro Tiger 800, rinnovata nelle sospensioni e nel telaietto reggisella, ora imbullonato; le novità Tiger 1200 XC e 1200 XR; e la Speedmaster, new entry nella “famiglia” Bonneville che ora si amplia verso l’universo-custom: anche qui, motore bicilindrico da 1.200 cc (77 CV la potenza), e un disegno “finto-rigido” per il telaio, che riprende lo stile della Bobber.

Bmw, dal canto suo, rinnova la popolarità raggiunta in un decennio dalla gamma GS a motore bicilindrico in linea, che aveva debuttato in anteprima al Salone del 2007 nelle varianti F700 GS ed F800 GS. Adesso, tocca alle nuove F750 GS ed F850 GS, accreditate da più elevati valori di potenza e forza motrice, in virtù dello sviluppo del nuovo bicilindrico 750 (77 CV a 7.500 giri/min e 83 Nm) e dell’altrettanto nuova unità 853 cc da 95 CV a 8.250 giri/min e 92 Nm che sostituisce il precedente 798 cc. Il marchio di Monaco di Baviera espone, inoltre, la “cruiser” K1600 Grand America, e il “midi-scooter” C400 X.

Restando in ambito mitteleuropeo, KTM, il marchio-simbolo dell’offroad “made in Austria”, presenterà l’edizione rinnovata in chiave Model Year 2018 della enduro elettrica Freeride E-XC, oltre alla nuova 790 Duke (motore frontemarcia da 105 CV a 9.000 giri/min e 86 Nm di coppia massima a 8.000 giri/min e lubrificazione a carter semi-secco con radiatore olio), esposta all’EICMA 2016 in veste di prototipo e, ora, in provinto di essere svelata nella versione definitiva.

La produzione italiana è, al solito, particolarmente nutrita. Benelli svela la variante cafe racer del Leoncino, di recente debutto in concessionaria nella declinazione Scrambler. Il Leoncino 500 Sport della Casa di Pesaro presenta semimanubri, cupolino con faro rotondo, un accenno di “codino” e le tabelle portanumero sui fianchetti. La motorizzazione resta affidata al bicilindrico da 500 cc a quattro tempi, raffreddato a liquido, che eroga 48 CV a 8.500 giri/min e 46 Nm di coppia massima a 6.000 giri/min (guidabile, dunque, anche dai neopatentati in possesso della A2).

Ducati svelerà un ampio ventaglio di new entry in chiave stradale e scrambler: si va dalla 959 Panigale Corse (equipaggiata con sospensioni Öhlins, scarichi Akrapovic) e caratterizzata dalla livrea bicolore che riprende le moto portate in gara da Andrea Dovizioso e Jorge Lorenzo; alla Multistrada 1260 (nuovo motore dotato di fasatura variabile e un sostanziale aggiornamento alla ciclistica e all’elettronica di gestione), declinata anche nella rinnovata variante “Pikes Peak”, un classico nella gamma Multistrada; alla Scrambler 1100 da 86 CV che nel 2018, sulle tre declinazioni “base”, Sport e Special, completerà la famiglia Scrambler; e con la mostruosa Panigale V4, nella quale l’unità motrice (è derivata in linea retta da quella impiegata nella MotoGP) sprigiona ben 214 CV.

All’area StartUp e Innovation novità eco friendly e hi-tech

Un sostanzioso valore aggiunto, per l’EICMA, arriva dalle numerose novità di rilievo che fanno capo alle realtà imprenditoriali più giovani e up-to-date, e rivolte ad un mercato sempre più attento alle innovazioni tecnologiche e “green”. Nel padiglione 9-11, presso la maxi-area StartUp e Innovation, vengono concentrate tutte le aziende specializzate nella ricerca di nuove soluzioni di mobilità sulle due ruote.

Da segnalare, fra le new entry più interessanti, la crossover-bike di Arlix: metà bicicletta, metà moto, viene alimentata esclusivamente con energie rinnovabili; NITO (Nuova Industria Torinese) propone una serie di concept a propulsione elettrica o umana.

La start-up eCELL Electronics (specializzata nello sviluppo di soluzioni IoT-Internet of Things), dal canto suo, svela “AirPule Smart Helmet”, un nuovo casco interattivo dotato di dash-cam integrata. Per offrire nuove modalità di allenamento al motociclista e consentirgli di restare in sella anche nei mesi invernali, la start-up MotorTrainer propone un innovativo programma di training. Da segnalare, inoltre, il telaio in alluminio con vano a serratura integrato e portapacchi realizzato dalla start-up italiana Mechane; e le soluzioni rivolte all’attenzione verso la sicurezza di chi viaggia su 2 ruote, proposte dalla start-up slovena Movalyse.

Gli appassionati di veicoli eco friendly avranno a disposizione l’area E-bike, dedicata alle novità a zero emissioni: moto e bici elettriche e a pedalata assistita, potranno essere provate all’interno di un tracciato allestito per i test drive che si snoda lungo 1.000 metri e provvisto di una pendenza costante dell’8% per simulare l’andamento delle strade di montagna.

East EICMA Motorcycle: spazio al vintage ed alle “special”

Poteva un big event come l’EICMA sottrarsi al fascino della customizzazione e delle realizzazioni old style? No di certo: ed ecco un’area che, nella cornice e nell’immagine, sa di antico. Irriducibili delle trasformazioni e della filosofia vintage, questo è per voi: il nuovo spazio “East EICMA Motorcycle” è un’area interamente dedicata al passato e alle moto speciali.

Presso l’East Market, che si trova nel Design District di Lambrate (via Ventura, 14), in una ex azienda metalmeccanica che risale alla Seconda Guerra mondiale, ci sarà la presenza di customizer italiani e stranieri, artisti indipendenti delle personalizzazioni e aziende specializzate in accessori aftermarket, capi di abbigliamento vintage, oggettistica, gadget e – a conferma dell’eterno amore fra musica e moto – dischi in vinile delle colonne sonore dei film più celebri che, nel tempo, hanno contribuito a rafforzare lamoto e i motociclisti nell’immaginario collettivo.

E ci saranno anche le Case ufficiali: fra queste, Bmw, Ducati, Harley davidson, Honda, Moto Guzzi, Moto Morini, Triumph, Yamaha.

E Milano allestisce la “Settimana della Moto”                           

Storicamente attentissima allo sviluppo tecnologico legato… a tutto ciò che si muove su ruote, con e senza motore (e, quindi, anche delle moto), la macroregione padana è il fulcro nazionale del motociclismo. Di conseguenza, Milano assume un ruolo di primo piano nella promozione della “bike philosophy” proiettata su un livello internazionale. Come avviene per altri grandi eventi che interessano la metropoli lombarda, anche l’EICMA abbina una serie di manifestazioni parallele alla rassegna principale.

Si tratta, in questo caso, della “Settimana della Moto” (l’ispirazione alla “Settimana della Moda” è tutt’altro che casuale): un percorso tematico che coinvolge cinque zone dell’area metropolitana milanese: “Motoquartiere” Isola, il “Clubbing” district di Garibaldi, l’”East Side” di Lambrate, la “creative nigntlife” di Porta Venezia e il “rebelot” dei navigli e della Darsena. In totale, si preannunciano più di 180 eventi in cartellone, dedicati a tutti gli enthusiast della moto, e che coinvolgeranno un centinaio di attività.

Eicma 2017, orari e prezzo del biglietto

L’edizione 2017 dell’Esposizione Internazionale Ciclo e Motociclo aprirà al pubblico alle 9,30 di giovedì 9 novembre. Questi gli orari per i visitatori: 9,30 – 18,30 per le giornate di giovedì, sabato 11 e domenica 12; venerdì 11, la rassegna osserverà l’apertura straordinaria fino alle 22.

Il biglietto d’ingresso è fissato in 21 euro. L’organizzatore prevede riduzioni e sconti: ingresso gratuito per i bambini fino a 8 anni, ridotto a 12 euro per bambini e ragazzi da 9 a 13 anni e visitatori “over 65”, 14 euro per i gruppi di almeno 20 persone, 15 euro per i ragazzi da 14 a 17 anni. Ingresso gratuito, venerdì 10, alle donne. I visitatori diversamente abili, con accompagnatore, hanno ingresso libero previa presentazione, alla reception, del tesserino di invalidità o di un documento equivalente. Esiste, poi, un ingresso ridotto “serale”, a 12 euro, esclusivamente per venerdì e dalle 18 in poi. Il Bonus Cultura per i giovani viene accettato soltanto per l’acquisto del biglietto in prevendita dal sito TicketOne. È ovviamente possibile acquistare il proprio biglietto di ingresso online, attraverso il sito Web corporate www.eicma.it.

I visitatori che raggiungeranno il complesso fieristico di Rho-Pero in moto, potranno usufruire di un’area di parcheggio gratuito in corrispondenza dell’ingresso “Cargo 5”. Ricordiamo che Fiera Milano dispone di oltre 10.000 posti auto a disposizione dei visitatori in parcheggi all’aperto intorno al quartiere (contrassegnati da P1 a P5) e in due edifici multipiano (PM1 e PM2) in prossimità di Porta Ovest (11 euro per le soste fino a 4 ore, 17 euro per le soste oltre 4 ore e fino ad un massimo di 24). Il parcheggio P1 è dotato di varchi riservati ai possessori del Telepass. Sarà quindi possibile non ritirare e conservare il biglietto del parcheggio e pagare le soste effettuate direttamente sul proprio conto Telepass.

Per chi si reca all’Eicma in treno, dalla stazione FS Milano Centrale si può prendere la M2 (Linea Verde Metropolitana) in direzione Assago o Abbiategrasso, e scendere alla fermata Cadorna FN. Qui, la Linea Rossa M1 in direzione Rho-FieraMilano conduce al complesso fieristico: è bene tenere a mente che il biglietto da acquistare è extraurbano (Rho Fiera è oltre il limite di tariffa urbana ATM).

Per arrivare a MilanoFiera in auto e in moto, chi proviene dalle autostrade A7-Genova e A4-Torino, può percorrere la Tangenziale Ovest in direzione Nord e uscita Fiera Milano; chi proviene da Milano, imbocca la A4 per Venezia ed esce a Pero-Fiera Milano. Dalle autostrade A8-Varese e A9-Como, si consiglia, alla barriera di Milano Nord, di prendere la direzione A4-Venezia ed uscire a Fiera Milano.

Yamaha Niken Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

“L’Ordinario diventa Straordinario” ad Auto e Moto d’Epoca

Altri contenuti