EICMA 2019: le novità di Benelli

Benelli presenta ad EICMA 2019 le sue rinnovate moto di successo: Leoncino 800 e Leoncino 800 Trial.

Benelli arriva ad EICMA 2019 lancia due nuovi versioni di un modello icona della Casa, la Leoncino 800 e Leoncino 800 Trial. Una rappresenta più l’anima da strada, e l’altra invece risponde alle esigenze di chi vuole avventurarsi anche in percorsi offroad. Alla kermesse milanese è possibile ammirarle entrambe e notare le differenze che si frappongono tra le due.

Leoncino 800 Trial

La Leoncino 800 Trial è una moto da fuoristrada, come dimostrano le sue caratteristiche, a cominciare dal doppio scarico alto e dalla ruota da 19” all’anteriore. Di lei potremmo dire che è una due ruote che trae ispirazione dal passato, ma che al tempo stesso risulta moderna, sportiva e dinamica, in una evoluzione a tutto tondo, capace di condividere con la 800 stradale elementi tecnici e stilistici all’avanguardia. Il motore è un 754cc in grado di sviluppare una potenza di 81,6 CV (60 kW) a 9000 giri/min e coppia di 67 Nm (6,8 kgm) a 6500 giri/min, per garantire il massimo della performance anche nel fuoristrada. La distribuzione è a doppio albero a camme in testa, 4 valvole per cilindro, doppio corpo farfallato da 43 millimetri di diametro. La frizione con asservimento di coppia e funzione antisaltellamento è in bagno d’olio, il cambio a 6 velocità.  Il telaio è un traliccio tubolare con piastre in acciaio, capace di garantire maneggevolezza e agilità su strada. Le sospensioni sono composte da una forcella anteriore up-side down Marzocchi con steli di 50 mm di diametro, regolabile in estensione, compressione e precarico, che l’escursione passando dai 130 millimetri della stradale a 140 millimetri della Trail.

Leoncino 800

La Leoncino 800 è la più classica delle versioni stradali. Le sue forme sono dure e scolpite, in grado di esaltare potenza e dinamicità, con una silhouette raccolta ma al tempo stesso slanciata e con proporzioni bilanciate. Come motore abbiamo il bicilindrico quattro tempi, raffreddato a liquido da 754cc, fluido, costante e reattivo, con una potenza di 81,6 CV (60 kW) a 9000 giri/min e coppia di 67 Nm (6,8 kgm) a 6500 giri/min. Completa il tutto la distribuzione a doppio albero a camme in testa, 4 valvole per cilindro, doppio corpo farfallato da 43 millimetri di diametro, frizione con asservimento di coppia e funzione antisaltellamento in bagno d’olio e cambio a 6 velocità. Il telaio è un traliccio tubolare con piastre in acciaio, completamente nuovo, in grado di garantire la massima agilità e maneggevolezza.

I Video di Motori.it

Nuova Ducati Panigale V2

Altri contenuti