Citroen C3: comfort da riferimento

Nonostante la lunghezza inferiore ai 4 metri la Citroen C3 risulta confortevole ai massimi livelli per via di un abitacolo ampio luminoso ed all’avanguardia.

La Citroen C3 con l’ultima generazione è cambiata totalmente grazie ad una linea moderna e filante che vede protagonista il Double Chevron capace di prolungarsi anche nei fari per sottolineare la larghezza del frontale. Più lunga di 6 cm rispetto al modello precedente, ma anche più larga e più bassa, non rinuncia al confort interno.

Infatti, propone un abitacolo spazioso, accogliente e contemporaneo, nel quale comfort e design si fondono secondo la promessa del Marchio “Be different, Feel Good”. La luminosità è notevole, grazie all’ampio tetto panoramico che pone l’accento sulla cura dei materiali e sui colori, che prendono chiara ispirazione dal mondo dell’interior design e dei viaggi.

Pur essendo compatta, con una lunghezza di 3 metri e 99 centimetri, la nuova Citroen C3 risulta pratica per via delle cinque portiere; inoltre, vanta una capacità di carico che sfiora i 300 litri. Ma non è tutto, perché la C3 porta nel segmento delle citycar il centenario impegno della Casa francese nel migliorare la vita a bordo, per via del programma Citroen Advanced Comfort.

Infatti, la sensazione di benessere deriva da un’abitabilità che si erge a riferimento nella categoria, dagli ingegnosi vani portaoggetti, dall’ergonomia dei comandi integrati nello schermo Touch Pad da 7 pollici, che riunisce le principali funzioni in modo intuitivo e moderno, e dai sedili che infondono quella piacevole sensazione di “sentirsi a casa” rarissima in un’auto, e soprattutto in questa categoria.

Insomma, con la C3 i viaggi diventano un puro piacere e anche gli spostamenti cittadini avvengono nel massimo del confort per via di un abitacolo comodo e di un comparto sospensioni in grado di smorzare le asperità in maniera eccellente.

Nuova Citroen C3 2020: immagini ufficiali inedite Vedi tutte le immagini
Altri contenuti

Elettrificazione “per tutti” e nuovi servizi alla mobilità al centro della rassegna lombarda che costituisce un’importante manifestazione per la ripartenza dell’intera filiera automotive dopo l’emergenza sanitaria.