Bmw Z8: la roadster che fu di Steve Jobs andrà all’asta

Acquistata nel 2000 dal fondatore di Apple, la roadster bavarese presenta, fra le dotazioni, un cellulare Motorola a conchiglia che non piaceva a Steve Jobs. Adeguata al pedigree la quotazione della Z8: fra 300.000 e 400.000 dollari.

Design hi-tech e design automotive vanno spesso a braccetto. Il guasto per la coerenza formale delle forme di un oggetto in funzione del suo utilizzo rappresenta uno dei punti chiave tanto per gli articoli di impiego quotidiano, quanto per le autovetture. E pensare a Steve Jobs come a uno dei massimi cultori del design nella sua accezione più moderna (il riferimento, in questo caso, va alla preferenza, sempre manifestata, verso un approccio “minimal” alle cose da parte dell’indimenticato fondatore di Apple) conferma questo assunto.

Linee essenziali e ben definite ma, nello stesso tempo, decisamente personali sono, del resto, gli atout che da sempre hanno guidato la “matita” di Chris Bangle, il designer statunitense che dopo un lungo periodo in Fiat, approdò alla Bmw e ne firmò il disegno della produzione per gran parte degli anni 90 e fino al 2009: un periodo caratterizzato da rapporti non sempre facili con gli enthusiast più “tradizionalisti” dell’immagine Bmw.

Chris Bangle e Steve Jobs – o meglio: le rispettive preferenze di design – si “incontrarono” nel 2000, quando il fondatore di Apple decise di acquistare per se uno dei primi esemplari di Bmw Z8, il modello alto di gamma nella lineup di roadster che Bangle progettò su una impostazione di stile dichiaratamente rétro e, contestualmente, modernissima.

Proprio la Z8 che fu di Steve Jobs, e che restò nel proprio garage fino al 2003 per poi cederla all’attuale proprietario (il quale, a sua volta, la rivendette ad un dealer di San Francisco, per acquistarla nuovamente nel 2006 e custodirla fino ad oggi), verrà messa all’asta: l’evento, a cura di Sotheby’s, si terrà a New York il prossimo 6 dicembre.

All’altezza del pedigree della roadster bavarese è la quotazione: la stima è nell’ordine di 300.000 – 400.000 dollari; con tutta probabilità, la vettura potrebbe anche spuntare un prezzo di aggiudicazione più elevato.

Steve Jobs era dichiaratamente appassionato di automobili, e apprezzava in particolare la produzione tedesca. Secondo la leggenda, a suggerirgli la Z8 (equipaggiata con l’unità V8 da 4,9 litri abbinata ad un cambio manuale a sei rapporti) fu Larry Ellison, co-fondatore di Oracle, big player nel comparto software, della quale fu anche amministratore delegato fino al 2014.

La Z8 acquistata da Steve Jobs, che in totale ha percorso 25.000 km, presenta la dotazione di primo equipaggiamento: hardtop, telo copriauto, doppie chiavi, impianto audio con lettore CD e un particolare che fa sorridere: un telefono cellulare Motorola “a conchiglia” di vecchia generazione, che Steve Jobs non apprezzava…

BMW al MIMO 2021 Vedi tutte le immagini
Altri contenuti