Tunnel sotterraneo ad alta velocità di Elon Musk: le prime anticipazioni

Il fondatore di Tesla e SpaceX vuole realizzare una galleria sotterranea che condurrà, guidandole su specifiche piattaforme, autovetture e “hub” per trasporto pedoni. Il video di anteprima.

Un “super-tunnel” in grado di trasportare i veicoli su specifiche “rotaie”, e ad elevate velocità: non poteva essere che di Elon Musk il progetto che potrebbe inaugurare una rivoluzionaria fase di sviluppo per la mobilità urbana del futuro.

Si tratta, più nel dettaglio, della galleria sotterranea che il vulcanico fondatore di Tesla, attraverso la prorpia società “The Boring Company”, sta portando avanti con l’obiettivo di garantire, un domani, agli automobilisti un percorso alternativo che permetta loro di attraversare intere aree cittadine in pochi secondi.

Le prime immagini, insieme ad un video di anteprima (visibile a questo link), sono state pubblicate dallo stesso Elon Musk nello scorso weekend. L’opera è ubicata nel sottosuolo di Los Angeles, ad una profondità di 13 metri dal manto stradale, all’interno del complesso “SpaceX”, l’azienda aerospaziale con sede ad Hawthorne che Musk fondò nel 2002.

Da Hawthorne, per il tunnel – grazie alla concessione delle autorizzazioni all’ampliamento – lo scorso agosto è iniziato un secondo step di avanzamento, relativo ad un ulteriore tratto di quasi due km.

A quest’ultimo si riferisce il materiale diffuso da Elon Musk, e che – secondo le intenzioni del fondatore di Tesla – attraverso “The Boring Company” proporrà ad automobilisti (e, come vedremo, anche pedoni) un inedito strumento di mobilità: le autovetture (protagoniste del video-teaser sono una Tesla Model S e, al termine della sequenza, una nuovissima Model 3…), ancorate su specifiche piattaforme, verrebbero fatte scendere all’imbocco del tunnel. Da qui, la stessa piattaforma verrebbe “guidata” all’uscita della galleria sotterranea, attraverso una rotaia magnetica, e ad una velocità indicata di 200 km/h. Il tunnel offrirebbe la possibilità di essere attraversato anche ai pedoni, per mezzo di “hub” collettivi.

Attualmente, il progetto è in fase sperimentale: più avanti, sono attesi nuovi sviluppi in merito al passaggio verso la fase operativa.

 

I Video di Motori.it

Auto e Moto d’Epoca: aspettando l’apertura…

Altri contenuti