Ecco la Volkswagen Golf più corta del mondo!

Un video illustra come può diventare una “normale” autovettura opportunamente tagliata in due, accorciata del telaio e nuovamente saldata.

C’è quella più potente e quella più veloce. Gli enthusiast di nuove soluzioni di assetto contribuiscono a creare quella più bassa; e, viceversa, gli amanti delle escursioni in offroad quella caratterizzata dalla più elevata altezza da terra. E, se oltreoceano la moda delle berline allestite “a Limousine” non è mai del tutto tramontata, in Europa, anche per motivi di spazio, c’è chi le vetture le accorcia. Senza attendere novità di mercato, è sufficiente attrezzarsi (e, “ovviamente”, disporre di un garage ed un’area adeguata).

È, in estrema sintesi, l’ultimo progetto (in ordine di tempo) al quale in questi giorni opera lo staff di “MasterMilo82”, un gruppo di giovani olandesi appassionati di autentiche stranezze automotive: la sequenza filmata esibisce ciò che, a buon diritto,può essere considerata come la Volkswagen Golf più corta del mondo. Con ulteriore precisione, si puntualizza “La VW Golf MK2”.

Già, perché la vettura sottoposta al radicale accorciamento delle dimensioni è una “tranquilla” Golf GL seconda serie (prodotta tra la fine del 1983 e la seconda metà del 1991), alla quale è stata eliminata di netto, con sapiente impiego del flessibile e della saldatrice, gran parte della cellula abitacolo. Il conducente si trova, così, collocato… sul retroreno.

Il pazzo esperimento raggiunge un picco di humour quando il giovane appassionato di diavolerie meccaniche fornisce una dimostrazione pratica sulle reazioni della “semi-Golf”, che è perfettamente funzionante, e si vede bene: diventata “tuttomotore” e pressoché vuota, con il passo cortissimo, ogni frenata, per quanto leggera, porta la Golf ad una inevitabile “impennata” con il retrotreno.

 

Volkswagen Taigo 2022: immagini ufficiali Vedi tutte le immagini
Altri contenuti