Proprietario di una Ferrari picchia padre di bimbo disabile

L’uomo aveva chiesto all’automobilista di spostare la vettura, parcheggita in un posto destinato ai disabili

Siamo a Milano. Un uomo è al volante della propria auto, accanto a sé ha il figlio, portatore di handicap. Vorrebbe parcheggiare su un posto per disabili, ma trova lo spazio occupato da una Ferrari. Chiede così al guidatore della supercar di spostasi, ma in cambio riceve insulti e pure uno spintone.

La vittima dell’increscioso episodio a questo punto chiama i Carabinieri, che quando arrivano non trovano più né Ferrari, né il guidatore.

Il padre del ragazzo disabile, però, ha fatto in tempo a prendere il numero di targa della vettura di Maranello. Risulta essere intestata ad un 59enne coinvolto nel caso Panama Papers al quale è stata sospesa la patente a tempo indeterminato e che dal 2015 viaggia con patente svizzera. Non è chiaro se fosse davvero lui a bordo della Ferrari.

Altri contenuti