Fiat: Trapattoni e Pizzul scendono in campo per gli incentivi

Giovanni Trapattoni e Bruno Pizzul sono i due testimonial d’eccezione scelti per la campagna degli ecoincentivi Fiat.

Giovanni Trapattoni e Bruno Pizzul sono i due testimonial d’eccezione scelti per la campagna degli ecoincentivi Fiat.

Fiat ha deciso di prolungare gli ecoincentivi sui propri modelli a GPL: cos’è, pro e contro e metano fino al 31 maggio, dando così modo ai clienti interessati di beneficiare del bonus anche nel caso in cui i fondi stanziati dal Governo dovessero andare esauriti anzitempo. 

Per comunicare al pubblico la promozione, il costruttore torinese ha scelto due testimonial d’eccezione come  Giovanni Trapattoni, ex calciatore e allenatore di successo in numerose squadre tra cui Juventus, Bayern Monaco, Italia, Benfica e Irlanda, e Bruno Pizzul, storico commentatore televisivo delle partite della Nazionale sulla Rai.  

I due volti sono protagonisti di uno spot ambientato a Rio de Janeiro, sulla spiaggia di Copacabana, una location scelta in modo non causale visto che il mese prossimo in Brasile si terranno i Mondiali di calcio FIFA.  

Al centro del messaggio che Fiat porta sui principali media nazionali c’è lo sconto per le auto a gas che sarà offerto dalla casa italiana in collaborazione con i suoi concessionari. Il bonus, per fare un paio di esempi, è di quasi 3.000 euro per una Fiat Panda TwinAir Turbo Natural Power da 80 cavalli, per arrivare a oltre 4.000 euro per una Fiat Punto Natural Power con potenza di 70 cavalli. 

Per accedere alla promozione non sono previste limitazioni, per cui non ci sono differenze tra clienti privati e aziende o professionisti dotati di partita IVA, così come non c’è alcun obbligo di permuta o rottamazione di un veicolo con diversi anni di età. 

Al listino agevolato si aggiunge poi il finanziamento di 48 mesi con Anticipo Zero, TAN zero e TAEG variabile a seconda del modello scelto.

Fiat al Parco Valentino 2019 Vedi tutte le immagini
Altri contenuti
Sergio Marchionne: un anno dopo
News

Sergio Marchionne: un anno dopo

Il 25 luglio 2018 si spegneva, in una clinica di Zurigo, il “grande traghettatore” che in 14 rutilanti anni, lavorando senza sosta, proiettò una Fiat in crisi sotto i riflettori del mondo. La sua eredità.