Ferrari: la F40 di Gerhard Berger va all’asta

La mitica F40 dell’ex pilota del Cavallino Rampante verrà battuta nell’asta online di RM Sotheby’s che scade il 31 ottobre.

No, non è la storia strappa lacrime del pilota che si priva di una delle sue auto preferite per qualche motivo particolare, e no, non è una vettura che il protagonista di questa storia, un certo Gerhard Berger, ex driver Ferrari in Formula 1, possiede dai tempi in cui correva con la rossa. Semplicemente, l’austriaco, gentiluomo capace di andare d’accordo anche con personaggi dal carattere a dir poco carismatico come un certo Ayrton Senna, ha deciso di vendere la F40 che aveva acquistato da circa 1 anno.

Un restauro per riportarla allo splendore

Prodotta nel 1990, la F40 in questione, ha viaggiato a lungo, passando per Singapore ed il Giappone prima di arrivare in Germania, e poi, dopo una messa a punto che sa di restauro, un’operazione costata qualcosa come 80mila euro, è finita tra le sapienti mani dell’ex pilota austriaco che sicuramente sa come sfruttare al meglio i 478 CV erogati da V8 biturbo da 2,9 litri che scalpita furioso sotto il lunotto trasparente.

Ha percorso solo 30.000 km

Al momento, l’auto, che per molti appassionati è una tra le più iconiche prodotte a Maranello, ha solamente 30.000 km, vanta la documentazione Ferrari Classiche, il libretto dei tagliandi ed il manuale d’uso e manutenzione. Insomma, chi l’acquista prende un pacchetto davvero completo; già, ma a che prezzo? L’auto è venduta online, nel lotto 135 dell’asta organizzata da RM Sotheby’s, ed il suo valore è stimato in 1 milione e 210 mila euro, ma siccome è un’asta con i rilanci si può arrivare a cifre ancora più impegnative. Quali? Lo scopriremo il 31 ottobre quando si chiuderà l’evento e non sarà più possibile fare un’offerta.

I Video di Motori.it

Ferrari Portofino M

Altri contenuti
Imola: 3 gare della Ferrari da dimenticare
Formula 1

Imola: 3 gare della Ferrari da dimenticare

Una vittoria che lascia molti tifosi con l’amaro in bocca; un pauroso incidente che avrebbe potuto avere conseguenze tragiche; un doppio ritiro: tre episodi che, per alcuni aspetti, sono da archiviare fra le giornate-no per le “Rosse”.