Ferrari: a Maranello la 275 GTB/4 di Steve McQueen

La vettura si trova nelle officine Ferrari Classiche per tornare agli antichi splendori.

La vettura si trova nelle officine Ferrari Classiche per tornare agli antichi splendori.

Una Ferrari emana un fascino particolare solo per il suo nome, se poi è un modello di rara bellezza come la 275 GTB/4 il suo appeal ne guadagna ulteriormente, ma quando è appartenuta ad un attore che ancora oggi è un’icona di stile come l’indimenticabile Steve McQueen allora diventa una leggenda a 4 ruote.

E’ quanto è accaduto alla Ferrari 275 GTB/4 che il noto attore con la passione della velocità ha ricevuto nel 1968 durante le riprese del film Bullit. L’auto fu consegnata a Steve McQueen direttamente sul set e avrà calamitato le attenzioni diversi appassionati mentre la pellicola prendeva forma.

Purtroppo però, come spesso accade, le auto vengono modificate, e così, uno dei proprietari successivamente entrati in possesso della vettura, ha deciso di trasformarla in spider, snaturando la linea originale. Ovviamente, questo non consente di ottenere il certificato di autenticità, per questo motivo, l’attuale proprietario dell’auto ha pensato bene di rivolgersi agli esperti di Maranello per riportare la 275GTB/4 alle condizioni originali.

Adesso l’auto si trova presso le officine Ferrari Classiche dove i tecnici del Cavallino stanno rimodellando a mano i pannelli in metallo che compongono il tetto. Il lavoro sarà lungo e oneroso, ma è indispensabile perché possedere un’auto del genere nelle sue condizioni originali rappresenta un ottimo investimento. Infatti, la Ferrari 250 GTO appartenuta a Stirling Moss è stata venduta per ben 35 milioni di dollari.

Ferrari 250 GTO 1962 Stirling Moss Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Ferrari Portofino M

Altri contenuti
Imola: 3 gare della Ferrari da dimenticare
Formula 1

Imola: 3 gare della Ferrari da dimenticare

Una vittoria che lascia molti tifosi con l’amaro in bocca; un pauroso incidente che avrebbe potuto avere conseguenze tragiche; un doppio ritiro: tre episodi che, per alcuni aspetti, sono da archiviare fra le giornate-no per le “Rosse”.