Ferrari: una giornata nel ricordo di Gilles Villeneuve

L’8 maggio Jacques Villeneuve girerà a Fiorano con la 312 T4 che fu di Gilles a 30 anni dalla sua scomparsa

L’8 maggio Jacques Villeneuve girerà a Fiorano con la 312 T4 che fu di Gilles a 30 anni dalla sua scomparsa

Sono trascorse 30 primavere da quando Gilles Villeneuve è scomparso in quel tragico incidente sulla pista di Zolder, in Belgio, mentre sfrecciava con la sua 126 C2. Da allora il funambolo della Ferrari, capace di guidare su tre ruote, di sfidare in ogni istante le leggi della fisica e di vincere facendo impazzire le folle, non è stato mai dimenticato, perché è impossibile non ricordare quel ragazzo che aveva fatto centro persino nel cuore di un duro come Enzo Ferrari.

Le sue gesta sono rimaste nella mente di noi appassionati come dei fotogrammi preziosi, gli aneddoti che lo riguardano hanno fatto il giro del mondo, come non ricordare quando è voluto salire in aereo con lo stampo del suo sedile su misura? Ecco Gilles Villeneuve era tutto questo, un genio, un trapezista del volante, un appassionato come noi ed è per questo che ancora oggi conserviamo il suo ricordo gelosamente, come se non se ne fosse mai andato. Ma ve lo ricordate a Digione, nel 1979, quando vinse il duello più spettacolare della F1 contro Arnoux? Impossibile non tenerlo a mente, e lo sanno bene anche in Ferrari, visto che hanno deciso di ricordarlo con un evento che vede protagonista proprio quella vettura, la mitica 312 T4 da oltre 500 CV, che l’8 maggio sarà guidata a Fiorano dal figlio Jaques.

Sarà un momento emozionante, in cui passato e presente si fonderanno per alimentare la memoria, celebrare un grande pilota e regalare a tutti un momento indimenticabile come la vita di Gilles Villenueve.

Ferrari F2012 Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Ferrari Portofino M

Altri contenuti
Imola: 3 gare della Ferrari da dimenticare
Formula 1

Imola: 3 gare della Ferrari da dimenticare

Una vittoria che lascia molti tifosi con l’amaro in bocca; un pauroso incidente che avrebbe potuto avere conseguenze tragiche; un doppio ritiro: tre episodi che, per alcuni aspetti, sono da archiviare fra le giornate-no per le “Rosse”.