Hyundai Elevate, guida autonoma e connettività al CES 2019

Hyundai porta al CES 2019 il meglio della tecnologia applicata all’auto. Si va dal prototipo Elevate alla navigazione olografica, passando per i sistemi di guida autonoma e connessa.

Hyundai Elevate, guida autonoma e connettività al CES 2019

di Giuseppe Cutrone

10 Gennaio 2019

Hyundai è presente al CES 2019 con una serie di tecnologie dedicate alle auto del futuro, che saranno sempre più elettriche, sempre più autonome e sempre più connesse. Si tratta di una sorta di manifesto per la casa coreana che si riassume, senza tuttavia esaurirsi, nella Hyundai Elevate, un prototipo che lo stesso costruttore definisce una “Walking Car Concept”.

La Hyundai Elevate, “l’auto che cammina”, è una soluzione di Ultimate Mobility Vehicle studiata dalla divisione Hyundai Cradle per raggiungere anche le zone più difficili e impervie. Il veicolo a propulsione elettrica è dotato di giunti che consentono alle sospensioni di ripiegarsi verso l’interno della carrozzeria durante la normale guida su strada, per poi fuoriuscire e rialzare il corpo vettura quando è necessario superare un ostacolo ad un’altezza fino a 152 centimetri.

Durante la guida in fuoristrada si possono inoltre ampliare le carreggiate fino a 457 centimetri complessivi, mentre i motori elettrici sistemati sulle quattro ruote non solo assicurano un’ottima presa su qualsiasi terreno grazie alla trazione integrale, ma essendo girevoli a 360 gradi come quelle di un passeggino per bambini, permettono al veicolo di spostarsi lateralmente. L’ambito d’utilizzo della Hyundai Elevate potrebbe essere il soccorso medico in zone non facilmente raggiungibili dai mezzi convenzionali, nonché il trasporto di viveri e beni di prima necessità, il trasporto di disabili o l’esplorazione di ambienti selvaggi e ostili.

La mobilità del futuro vista da Hyundai non potrà poi fare a meno della personalizzazione dei veicoli, come proposto dal progetto “Style Set Free” che mira a dare ai clienti la facoltà di scegliere il software e l’hardware della propria vettura in base ai gusti e alle esigenze personali. Spiega a tal proposito Wonhong Cho, Executive Vice President della divisione Customer and Marketing di Hyundai Motor: “I modelli di veicoli elettrici dedicati offriranno caratteristiche personalizzabili, consentendo ai conducenti di modificare lo spazio e la configurazione dei veicoli in modo più efficiente rispetto ai veicoli derivati dall’architettura tradizionale e a combustione interna. Con il nostro concetto di design all’avanguardia “Style Set Free”, Hyundai Motor cerca di offrire un’esperienza completamente nuova ai clienti con stili di vita e bisogni diversi, andando oltre la stessa tecnologia di guida autonoma“.

Secondo il costruttore coreano, l’auto elettrica del futuro nascerà su una piattaforma aperta, sarà personalizzabile e allo stesso tempo autonoma e connessa, come dichiarato dal Vicepresidente senior della Divisione ICT, Jungsik Suh: “Puntiamo ad avere 10 milioni di utenti connessi a livello globale e applicare la tecnologia di auto connesse a tutti i segmenti di veicoli nel mercato globale entro il 2022. Hyundai non si sforza solo di diventare il fornitore numero uno delle auto connesse a livello globale, ma anche di fornire servizi di connettività che superano l’attuale proposta di servizi attraverso una piattaforma aperta, aprendo la strada per affermare il nostro concetto che va oltre la connettività”.

Al CES di Las Vegas non poteva infine mancare uno spazio per una tecnologia futuristica che Hyundai ha realizzato in collaborazione con l’azienda svizzera WayRay. Si tratta in questo caso di un sistema di navigazione olografica a realtà aumentata che viene integrato nel veicolo per offrire un nuovo modo di interfacciarsi con le informazioni. Un’immagine stereoscopica in tre dimensioni viene infatti visualizzata sulla strada, mostrando al conducente avvisi e indicazioni senza costringerlo a distogliere lo sguardo dal percorso, quindi in piena sicurezza.

Tutto su: Hyundai