Fisker EMotion: sarà in anteprima al CES di Las Vegas 2018

Riflettori puntati sulla berlina elettrica che segna il ritorno della factory di Henrik Fisker: al Consumer Electronics Show sarà presentata la versione alimentata da batterie agli ioni di lito.

Fisker EMotion: sarà in anteprima al CES di Las Vegas 2018

di Francesco Giorgi

05 Gennaio 2018

All’imminente CES di Las Vegas, in programma dal 9 al 12 gennaio, i riflettori delle novità hi-tech saranno puntati su una delle novità più attese alla rassegna: Fisker EMotion, berlina sportiva a propulsione 100% elettrica anticipata nelle scorse settimane quale futura “rivale” di Tesla Model S che porta in dote l’innovativa tecnologia delle batterie “solid-state” al grafene.

In realtà – specifica una nota pubblicata da Henrik Fisker sui propri canali social, la inedita EMotion che debutterà al Consumer Electronics Show viene equipaggiata con più “tradizionali” accumulatori agli ioni di litio, sviluppati ad hoc da LG Chem. Questi i valori prestazionali annunciati: circa 640 km di autonomia massima e un sistema di ricarica ultrarapida (nell’ordine di 9 minuti) per consentire alla vettura di coprire una percorrenza di 125 km. Si tratta di cifre in ogni caso interessanti, tenuto conto che Fisker EMotion è attesa al debutto sul mercato nel 2019, dunque in pieno “new deal” delle tecnologie a zero emissioni via via portate ad assicurare spazi di autonomia sempre maggiori.

Riguardo alle “famose” batterie al grafene – per l’attuazione dei propri piani di rientro nel competitivo settore dell’auto elettrica, Henrik Fisker ha, a suo tempo, fondato una nuova azienda (Fisker Inc) insieme a una joint venture con Nanotech che prevede, fra le peculiarità tecnologiche, proprio l’alimentazione delle nuove auto elettriche con accumulatori al grafene -, anche queste saranno presenti al CES di Las Vegas.

Non tanto “materialmente” (vale a dire a bordo di Fisker EMotion), quanto nell’esposizione della relativa tecnologia di engineering: il loro arrivo per l’alimentazione della nuova berlina-coupé elettrica di Henrik Fisker è previsto entro il 2023. I punti di forza delle batterie allo stato solido che Fisker aveva comunicato di avere brevettato lo scorso autunno sono perfettamente corrispondenti ad un nuovo livello di performance nei futuri veicoli a zero emissioni: 800 km di autonomia, tempi ulteriormente ridotti per “fare il pieno” di energia e, in virtù dell’”Assenza di elettrolito liquido, dunque poco infiammabile, e a basso impiego di cobalto, che è un materiale piuttosto costoso”, come aveva anticipato lo scorso novembre lo stesso Henrik Fisker ai microfoni di Fox Business, costi ridotti per gli accumulatori stessi; di conseguenza, in una proiezione a più ampio termine, una maggiore attenzione ai prezzi di acquisto per le auto elettriche.

Oltre alla inedita tecnologia di accumulo energetico, Fisker EMotion fa già parlare di se per le dotazioni hi-tech previste. Su tutte, si segnala la presenza di un modulo di sensori LiDAR, sviluppati da Quaenergy, predisposti per la guida autonoma di Livello 4, secondo la codificazione SAE-Society of Automotive Engineers relativa ad un livello “self-driving” che può fare ameno del conducente nel caso che i dispositivi di rilevazione e di elaborazione dell’ambiente circostante siano in possesso di tutte le informazioni sul percorso.

Della inedita Fisker EMotion iniziano a farsi avanti, infine, alcune indiscrezioni relative a velocità massima e prezzo di vendita: la “quattro porte” elettrica dall’impostazione dichiaratamente sportiva che verrà esposta in anteprima ufficiale al CES di Las Vegas sarebbe in grado di raggiungere 260 km/h, quanto a velocità di punta; il prezzo di acquisto (ovviamente finora riferito alla versione alimentata con batterie agli ioni di litio) corrisponderà a circa 100.000 euro.