Fiat: accordo per la produzione del Ducato in Russia

Fiat e Renault hanno firmato un accordo preliminare con Zil per la produzione in Russia di Ducato e Master.

Fiat e Renault hanno firmato un accordo preliminare con Zil per la produzione in Russia di Ducato e Master.

Fiat guarda ad est e lo fa mostrando un certo interesse verso la Russia, il cui mercato automobilistico è accreditato di diventare il primo al livello europeo entro il 2020, almeno secondo alcune stime.  

La stampa russa ha scritto stamane che il gruppo Fiat ha firmato un accordo preliminare a tre con Renault e MosavtoZil, una controllata di Zil a cui spetterà la produzione di furgoni nel proprio stabilimento di Mosca.

Oggetto dell’intesa sarebbe la produzione nella terra di Dostoevskij del Fiat Ducato, la cui produzione dovrebbe iniziare nei primi mesi del prossimo anno sulle stesse linee di assemblaggio in cui sarà costruito il Renault Master, per un volume produttivo di 50.000 veicoli su base annuale equamente divisi tra il costruttore italiano e quello francese. 

>> Guarda le foto del Fiat Ducato

Dopo la firma preliminare, l’accordo dovrebbe essere finalizzato tra qualche settimana al massimo, come spiegato dal direttore generale di MosavtoZil, Igor Kulgan: ”Stiamo conducendo delle trattative, ma è prematuro parlare di un accordo per il momento. Annunceremo tutto nel mese di settembre, probabilmente a fine agosto”.

Con l’interesse di Fiat e Renault, la Russia continua ad attrarre investimenti esteri per la produzione di vetture e veicoli commerciali, dando seguito a quanto fatto in precedenza da costruttori come Ford, Mercedes e il gruppo PSA Peugeot Citroen che, oltre ad essere presente su quel mercato in collaborazione con Mitsubishi, nei mesi scorsi aveva avviato dei colloqui proprio con Zil per l’assemblaggio di alcuni furgoni. 

Fiat Ducato Model Year 2011 Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

“Il giorno de La Prima” con Olivier François

Altri contenuti
Stellantis: cambiano i termini della fusione Fca-Psa
News

Stellantis: cambiano i termini della fusione Fca-Psa

Reagire con più forza contro l’emergenza sanitaria; meno dividendo straordinario ai soci Fca, quota del 46% Faurecia a tutti gli azionisti Stellantis, studio di eventuali nuove distribuzioni; invariati tutti gli altri aspetti e la timeline di conclusione.