Toyo Tires Corporation produrrà in Europa

Il primo stabilimento nel Vecchio Continente sorgerà in Serbia e sarà attivo a partire dal mese di gennaio 2022.

La notizia è di quelle che fanno bene all’economia europea: un colosso come Toyo Tires Corporation darà vita ad una filiale in Serbia per la costruzione e la conduzione operativa nella città di Indijia del primo stabilimento europeo del Produttore giapponese di pneumatici.

Una scelta che fa parte di un piano di crescita

Il Brand infatti intende rafforzare la propria presenza sul mercato tramite la produzione di prodotti ad alto valore aggiunto e mediante una distribuzione puntuale nel mercato globale. Non è un mistero infatti, che  il Produttore giapponese annunciò nel suo “2017 Mid-Term Plan” l’opzione di valutare l’opportunità di un nuovo stabilimento con l’obiettivo di sostenere la crescita dei volumi previsti dal 2020 in avanti. L’azienda fornisce pneumatici al mercato europeo e a quello russo direttamente dalle proprie fabbriche situate in Giappone e in Malesia. Mentre, dal 2022 il nuovo sito produttivo in Serbia avrà un ruolo chiave nell’assolvere questo compito nel Vecchio Continente. Ma non è tutto, perché Toyo Tires s’impegnerà in un nuovo sistema produttivo che sia competitivo ma che, allo stesso tempo, consenta di realizzare pneumatici di alto valore per veicoli ad alte prestazioni anche per altri mercati.

A livello territoriale, la repubblica serba possiede tutte le caratteristiche ricercate da Toyo Tires: personale altamente specializzato, integrazione con l’industria automobilistica grazie agli investimenti fatti da altre aziende straniere in questo territorio e, non ultima, una ottima relazione di scambi commerciali con il Giappone. Si prevede che la prima pietra del nuovo stabilimento verrà posata nel mese di maggio 2020 e che la produzione venga avviata entro gennaio 2022 per poi raggiungere una capacità globale di 5 milioni di pneumatici l’anno entro il 2023. Insomma, un obiettivo ambizioso che sottolinea l’impegno del Brand e l’intraprendenza nei confronti di un mercato sempre più esigente e competitivo.

 

I Video di Motori.it

Nuovo Toyota Proace City 2020

Altri contenuti
Il carpooling aziendale si rialza dopo l’emergenza
Car sharing

Il carpooling aziendale si rialza dopo l’emergenza

Secondo i dati della IV Conferenza Nazionale sulla Sharing Mobility, il settore del carpooling aziendale aveva confermato nel 2019 la forte crescita degli anni precedenti: 299 aziende coinvolte, 350 mila iscritti, 475 mila viaggi e 13 milioni di km condivisi. Il lockdown ha invece sparigliato le carte. Ma ora sembrerebbe in netta ripresa. Tra i … Continued