Lamborghini Huracàn Sterrato Concept: oltre l’asfalto con 640 CV

Una supercar prettamente “stradale” può diventare un fuoristrada: i tecnici Lamborghini intendono dimostrarlo con questo particolare allestimento su Huracàn Evo. La vedremo mai in produzione?

L’idea di base è ben precisa: prendere una supercoupé ed allestirla come fuoristrada “ultra-high performance”. È quanto messo in pratica da Lamborghini, che rende noto il progetto Huracàn Sterrato Concept, ipotesi di sviluppo di un modello-evoluzione che, partendo dalla coupé 5.2 V10 da 640 CV, strizza l’occhio all’offroad, settore nel quale Lamborghini è recentemente entrato con il SUV Urus.

Il progetto, incidentalmente, è perfettamente contemporaneo all’allestimento dell’esemplare unico di Ferrari Dino 208 GT4 del 1975, modificata in 308 GT4, che in questi giorni è impegnata nella maratona Pechino-Parigi 2019. Con la differenza (non da poco) che mentre la “Rossa di Maranello” è stata preparata dal dealer Rossocorsa di Milano – si tratta, quindi, di un allestimento “privato” -, Lamborghini Huracàn Sterrato Concept è frutto di un’idea “ufficiale”. “Made in sant’Agata Bolognese”, perciò.

E quanto mai nobile nelle origini, visto che – evidenza Lamborghini – si rifà idealmente alle “one-off” Lamborghini Jarama Rally ed Urraco Rally che il mai dimenticato Bob Wallace (il neozelandese test driver ufficiale “Lambo”) sviluppò fra il 1973 ed il 1974, per provare le potenzialità di una eventuale unione fra elevatissime prestazioni ed impieghi agonistici sulle “strade bianche”. L’esperimento dell’epoca rimase essenzialmente uno studio: staremo a vedere se, nel caso di Huracàn Sterrato Concept, ciò si tramuterà in un modello “racing” oppure in una derivazione “di serie” (ovviamente a tiratura limitata) dalle caratteristiche più “addomesticate”. Sarà interessante conoscerne una eventuale evoluzione.

“Huracán Sterrato non è altro che la rappresentazione dell’essenza pionieristica di Lamborghini – dichiara Maurizio Reggiani, Chief Technical officer di Automobili Lamborghini – Nella sua combinazione di caratteristiche da supersportiva e capacità off-road, Sterrato Concept dimostra la versatilità di Huracán e crea un nuovo punto di riferimento in termini di emozioni di guida e prestazioni”. “I nostri team Design e Ricerca e Sviluppo non smettono mai di esplorare nuovi orizzonti, proprio come vuole il DNA di Lamborghini, sfidando ciò che apparentemente sembra impossibile, ma sempre nel rispetto della nostra tradizione”.

Nello specifico, il prototipo Lamborghini Huracàn Sterrato Concept è stato sviluppato su base Huracan Evo, cui molto ha contribuito l’expertise nel frattempo maturato con lo Sport Utility Urus; fonte di ispirazione fra i tecnici del “Toro” per la dotazione dei sistemi di regolazione elettronica della dinamica veicolo: dal modulo LDVI-Lamborghini Dinamica Veicolo Integrata che “dialoga” in maniera predittiva con i controlli trazione e l’assetto per anticipare azioni ed esigenze del conducente, traducendole in una precisa dinamica di guida e nelle più varie situazioni di marcia in off-road, comprese le superfici con scarsa aderenza, e per sfruttare al massimo trazione e accelerazione; alla programmazione dell’elettronica di controllo funzionale alla ripartizione della coppia motrice prevalentemente sul retrotreno; all’aumentata altezza da terra, ben 47 mm in più, in ordine di consentire alla vettura un angolo di attacco aumentato dell’1% ed un angolo di uscita del 6,5% superiore rispetto a quelli offerti dalla configurazione di serie.

A sua volta, il corpo vettura, anch’esso notevolmente modificato, mette in evidenza specifici elementi di protezione per la carrozzeria: un nuovo pannello che agisce da diffusore, rinforzi in alluminio al telaietto anteriore, elementi supplementari dello stesso materiale a protezione delle “minigonne” sottoporta, pannelli protettivi per il motore e le prese d’aria e parafanghi realizzati con materiali ibridi composti da fibra di carbonio e resina elastomerica. Da segnalare, anche perché piuttosto evidenti, gli speciali codolini passaruota, funzionali ad un allargamento di ben 30 mm delle carreggiate all’avantreno ed al retrotreno, “riempiti” da gruppi ruota formati da cerchi da 20” con pneumatici a spalla maggiorata, sviluppati appositamente per migliorare l’aderenza e l’assorbimento delle asperità: “I blocchi spalla aperti, ampi e irregolari, favoriscono l’autopulizia delle ruote, garantendo allo stesso tempo un’aderenza eccellente fuori strada, corredata da trazione e abilità di frenata migliorate e un’incredibile resistenza al danneggiamento”, fa osservare Lamborghini.

Lamborghini Huracán Sterrato Concept 2019: immagini ufficiali Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Lamborghini Aventador: video e scheda tecnica

Altri contenuti