Hyundai Ioniq 2019: è già tempo di restyling

A tre anni dal lancio, la berlina ecofriendly coreana si aggiorna nei contenuti, nell’appeal estetico ed aggiunge potenza alla batteria della declinazione 100% elettrica. Tutti i dettagli.

Con il “facelift”, tecnologico e di stile, impostato per la variante ad alimentazione elettrica, Hyundai completa il programma di “refresh” della lineup Ioniq avviato, all’inizio di quest’anno, sulle versioni Hybrid e Plug-In Hybrid della berlina “green”, primo modello al mondo ad essere stato concepito espressamente per ospitarvi sistemi di propulsione elettrificati. Una scelta ambiziosa, per il colosso coreano, per quanto giustificata da un buon riscontro in termini di vendite (oltre 60.000 gli esemplari di Ioniq consegnati in tutto il mondo dal momento del “lancio” commerciale). Già definita la timeline di ingresso sul mercato: le nuove Hyundai Ioniq ibrida ed ibrida ricaricabile in configurazione “Model Year 2019” debutteranno in Europa a partire dal prossimo luglio; i clienti interessati alla versione 100% elettrica dovranno attendere qualche settimana: Hyundai Ioniq 2019 Electric sarà disponibile da settembre.

Gli aggiornamenti al corpo vettura

In linea con gli upgrade estetici evidenziati dal recente restyling delle configurazioni ibrida ed ibrida plug-in, anche Hyundai Ioniq Electric presenta adesso una nuova finitura per la griglia (chiusa), una riprogettazione per il paraurti anteriore che adesso presenta un inedito inserto argentato, ed un nuovo dettaglio in tinta antracite al paraurti posteriore. Una nuova forma è stata sviluppata anche per i gruppi ottici anteriori (con relative luci diurne) e posteriori, tutti a tecnologia Led. Nove le tinte carrozzeria disponibili, quattro delle quali inedite: Fluidic Metal, Electric Shadow, Liquid Sand, Typhoon Silver si affiancano a Phantom Black, Polar White, Iron Gray, Intense Blue e Fiery Red. Il catalogo dei cerchi in lega offre nuove tipologie di disegno: per Hyundai Ioniq Electric e Ioniq Plug-in Hybrid sono disponibili nuove ruote da 16”, mentre la versione Hybrid può essere equipaggiata, a scelta, con cerchi da 15” o da 17”.

All’interno, l’abitacolo di Hyundai Ioniq EV 2019 presenta un nuovo schermo da 7” HD per la strumentazione (tale accessorio sarà proposto a richiesta per le varianti ibrida ed ibrida plug-in), a sua volta arricchito con il controllo dell’illuminazione “ambient” Mood Lighting che consente la visualizzazione dei temi associati alle diverse modalità di guida, insieme ad una nuova illuminazione in blu per la consolle centrale e la parte bassa della plancia lato passeggero. Relativamente alle possibilità di configurazione abitacolo, Hyundai segnala quattro opzioni di pelle per i sedili (Nero, Grigio bi-tono, Red Umber per HE e PHEV ed Electric Shadow per EV), in alternativa ai rivestimenti standard in tessuto nero.

Le novità in materia di guida assistita

Uno dei biglietti da visita di Hyundai Ioniq viene rappresentato dall’assortimento di moduli di assistenza alla guida: e la nuova declinazione 2019 persegue ovviamente la strategia di costante evoluzione dei moduli di ausilio al conducente. Nello specifico, Ioniq 2019 porta in dote l’ultima generazione di sistemi ADAS che fanno capo all’engineering Hyundai SmartSense di monitoraggio continuo dell’ambiente esterno in ordine di offrire adeguata protezione a conducente e passeggeri.

La dotazione di serie propone, fra gli altri, il sistema di rilevamento stanchezza guidatore, il dispositivo di mantenimento attivo della corsia e la frenata automatica con riconoscimento altri veicoli e pedoni qui arricchita dalla funzione di rilevamento ciclisti. Saranno altresì disponibili, più in dettaglio, il nuovo Lane Following Assist, che regola automaticamente lo sterzo per mantenere la vettura al centro della sua corsia di marcia, e il rilevatore dei limiti di velocità, che utilizza la camera frontale e le informazioni ricevute dal sistema di navigazione per riconoscere i limiti di velocità e riprodurli in tempo reale.

L’equipaggiamento di Hyundai Ioniq 2019 offre, inoltre, il dispositivo di rilevazione angoli ciechi, l’avviso di possibili urti posteriori, il modulo di controllo automatico dei fari abbaglianti, e lo Smart Cruise Control con Stop & Go a sensore radar per il rilevamento della distanza dal veicolo che precede e mantenimento della distanza preimpostata per fermare il veicolo e farlo ripartire automaticamente in base alle condizioni del traffico.

Connettività: gestione diretta con Hyundai Blue Link

A bordo di Hyundai Ioniq 2019, la “big news”, presente a bordo tanto di Ioniq EV, quanto delle “sorelle” HE e PHEV, viene rappresentata dal modulo multimediale Hyundai Blue Link che si avvale dell’apporto integrato di un sistema di tecnologia telematica in modo da consentire al conducente il controllo diretto, anche da remoto mediante App per smartphone, delle principali funzioni veicolo (avviamento e spegnimento per la variante Ioniq Electric, apertura e chiusura porte, impianto di climatizzazione, stato di carica delle batterie e pianificazione dei cicli di ricarica). Abbinato al nuovo Blue Link c’è il sistema di chiamata d’emergenza eCall e, in aggiunta, viene proposta – con formula di abbonamento gratuito per i primi cinque anni – la suite di servizi LIVE Services (utili alla visualizzazione delle informazioni su meteo, traffico, parcheggi, stazioni di ricarica ed autovelox dove consentito dalle leggi nazionali) quando è presente il sistema di navigazione. L’infotainment, compatibile con gli standard Apple CarPlay ed Android Auto e dotato della funzione Multi-Bluetooth, dispone altresì del sistema Audio Video Navigation con display da 10.25” a riconoscimento vocale cloud-based in sei lingue (con Blue Link) e funzionalità ‘split’, con la possibilità di personalizzare lo schermo per visualizzare due diverse versioni di schermate e modificare icone e widget.

I nuovi sistemi di ottimizzazione dell’efficienza

Parallelamente all’adozione del “pacchetto” di dispositivi Eco DAS (Eco Driving Assist System) per il miglioramento dell’efficienza di guida che equipaggia le varianti Hybrid e Plug-in Hybrid – ne fanno parte, ad esempio, il sistema di frenata rigenerativa “Adjustable Regenerative Braking” regolabile dal conducente; la funzione Coasting che può essere attivata fra 40 e 160 km/h per segnalare al guidatore quando è in prossimità di punti in cui è necessario rallentare, come un cambio di direzione, un incrocio o un’uscita dall’autostrada; ed il sistema predittivo di gestione energia Predictive Energy Management utile alla massimizzazione dell’efficienza nell’impiego della batteria in salita e in discesa -, la nuova edizione 2019 di Hyundai Ioniq Electric viene equipaggiata con il sistema di controllo dei comandi di acceleratore e freno con un solo pedale che recentemente ha debuttato a bordo di Hyundai Kona Electric. Da segnalare inoltre l’adozione della funzionalità “Smart Regenerative Braking”, sviluppata dai tecnici del marchio coreano per il controllo in modalità autonoma del grado di rigenerazione in frenata in base all’inclinazione della strada e alle condizioni di guida del veicolo precedente in fase di coasting. Hyundai Ioniq Electric 2019 dispone, altresì, della modalità di guida “Eco+”, in aggiunta ai programmi di commutazione “Eco”, “Comfort” e “Sport”, con l’obiettivo di estendere l’autonomia di guida riducendo i consumi di energia in casi di emergenza imprevista.

Sotto il cofano, nuova batteria più potente

A questo proposito, Hyundai punta i propri riflettori sull’adozione dei nuovi accumulatori “maggiorati” per Ioniq Electric 2019: nello specifico, la capacità delle nuove batterie agli ioni di litio è di 38,3 kWh, vale a dire oltre 10 kWh in più in rapporto ai 28 della variante che si prepara ad essere sostituita (sempre che, lo avanziamo come ipotesi, un domani i vertici Hyundai non decidano di mantenere la “vecchia” capacità degli accumulatori per un eventuale modello-base). In questo modo, osserva la nota tecnica Hyundai diramata in queste ore a dettagliare le caratteristiche di progetto delle nuove varianti 2019, la capacità energetica maggiore del 36% e quindi una maggiore autonomia di guida, che arriva così a 294 km (ciclo WLTP) con una singola carica, mentre la potenza massima è di 136 CV e la coppia è di 295 Nm. La dotazione standard per la ricarica si avvale di un caricabatterie di bordo da 7,2 kW per la ricarica di “Tipo 2” a corrente alternata (anche in questo caso la capacità è maggiore, se raffrontata ai 6,6 kW della versione precedente), mentre avvalendosi di un “hub” di ricarica rapida a 100 kW si ottiene l’80% di energia nelle batterie in poco più di 50 minuti.

Hybrid e Hybrid Plug-in: le motorizzazioni

A bordo di Hyundai Ioniq 2019 nelle declinazioni ibrida ed ibrida ricaricabile, l’unità motrice è il 1.6 GDI “Kappa” ad iniezione diretta, che eroga fino a 105 CV di potenza e 147 nm di coppia massima. La versione Hybrid viene inoltre dotata del motore elettrico da 43,5 CV-170 Nm, alimentato da una batteria a ioni polimeri di litio da 1,56 kWh posizionata sotto al divano posteriore, capace di operare in modalità completamente elettrica fino alla velocità di 120 km/h. La versione Plug-in hybrid, invece, presenta il motore “zero emission” da 60,5 CV (medesima coppia motrice della ibrida) con batteria agli ioni polimeri di litio da 8,9 kWh che garantisce fino a 52 km di autonomia (ciclo WLTP) in modalità 100% elettrica.

Hyundai Ioniq restyling 2019: immagini ufficiali Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Hyundai i30 2020

Altri contenuti