Lamborghini Huracan Evo Spyder, potenza en plein air

La nuova Huracan Evo Spyder regala le prestazioni di un’auto da corsa unite al piacere di una guida con il vento tra i capelli.

Lamborghini Huracan Evo Spyder, potenza en plein air

di Francesco Donnici

06 Marzo 2019

Dopo aver lanciato ad inizio 2019 la Lamborghini Huracan Evo, la Casa di Sant’Agata bolognese è pronta a presentare sul palcoscenico dell’ormai imminente Salone di Ginevra 2019 (7-17 marzo) la variante convertibile battezzata Lamborghini Huracan Evo Spyder.

La versione aperta della Huracan Evo adotta il medesimo propulsore della coupé, ovvero il poderoso V10 5.2 litri aspirato, capace di sviluppare 640 CV e 600 Nm di coppia massima. Secondo i dati dichiarati dal costruttore, la vettura schizza da 0 a 100 km/h in 3,1 secondi, passa da 0 a 200 in soli 9,3 secondi, mentre la velocità massima risulta pari a 325 km/h. Anche gli spazi di frenata risultano da record, basti pensare che la supercar emiliana si arresta da 100 a 0 km/h in appena 32 metri.

La Huracan Evo Spyder utilizza una capote in tela abbinata ad un dispositivo idraulico che ne consente l’apertura in soli 17 secondi anche in movimento, fino ad una velocità di 50 km/h. Questa supercar convertibile raggiunge lo stato dell’arte per quanto riguarda la tecnologia dedicata alla meccanica e alla dinamica della vettura. Tra i dispositivi spicca il nuovo sistema LDVI (Lamborghini Dinamica Veicolo Integrata) in grado di gestire ogni aspetto della guida del veicolo, favorendone il piacere di guida e la tenuta su strada e in pista. Il sistema riesce a “leggere” l’andamento della strada e interviene su ripartizione della trazione sulle quattro ruote motrici e sulla regolazione delle sospensioni per adattare al meglio il comportamento della vettura. Anche l’abitacolo ha ricevuto una forte dose di tecnologia grazie all’integrazione del nuovo touch-screen HMI da 8,4 pollici che risulta posizionato sopra il pulsante che permette di avviare il propulsore. Lo schermo dedicato all’infotainment permette a guidatore e passeggero di controllare numerose funzioni della vettura, dalla navigazione alla climatizzazione, passando per la connettività per smartphone e la gestione dei setup dell’auto.

“La Spyder segue lo spirito evolutivo della Huracán EVO, proponendosi come un’auto straordinariamente semplice da guidare e al tempo stesso estremamente reattiva, agile ed emozionante come vuole una vera super sportiva – ha dichiarato Stefano Domenicali, CEO di Automobili Lamborghini che ha aggiunto –   Soprattutto con la capote abbassata, il rombo esaltante del motore aspirato e l’avanzato sistema di scarico alleggerito conducono ad un nuovo livello di esperienza sensoriale”.

I primi esemplari della Lamborghini Huracan Evo Spyder verranno consegnati a partire dalla primavera, mentre il prezzo di listino pari a 202.437 euro tasse escluse fa di questa vettura un oggetto decisamente esclusivo.

Tutto su: Lamborghini Huracàn, Salone di Ginevra