Alpina B7 xDrive 2019: ammiraglia riveduta e corretta

“Base di partenza”, la nuova Bmw 750i, che in virtù del consueto upgrade da parte della factory bavarese raggiunge 600 CV. Tutti i dettagli.

Alpina B7 xDrive 2019: ammiraglia riveduta e corretta

di Francesco Giorgi

13 Febbraio 2019

Fedelmente alla propria immagine di azienda legata a filo doppio alla produzione di Monaco di Baviera, Alpina “risponde a stretto giro di posta” al recente debutto di Bmw Serie 7 2019 attraverso una propria re-interpretazione, ovviamente in chiave high performance, della berlina alto di gamma Bmw; nello specifico, si tratta di Bmw 750i xDrive che, già in configurazione “standard”, porta in dote una potenza di 530 CV. Potrebbe essere sufficiente ad entusiasmarsi, tuttavia l’azienda di Buchloe la pensa diversamente; e, a poco meno di tre anni di distanza della delibera della precedente serie (qui il nostro approfondimento) in queste ore presenta in anteprima la rinnovata Alpina B7 xDrive, che potremmo vedere “dal vivo” all’imminente Salone di Ginevra (nei prossimi giorni se ne saprà di più).

Il “capitolato” degli interventi adottati dai tecnici Alpina su Bmw 750i 2019 è, nel complesso, interamente orientato alla ultracinquantennale filosofia di engineering dell’azienda bavarese: personalizzazioni estetiche ed aerodinamiche, esclusive tinte carrozzeria (comprese le classiche Alpina Blue Metallic ed Alpina Green Metallic), dettagli “home made”, ed un sostanzioso programma di upgrade meccatronico, che in questo caso riguarda, oltre all’unità motrice, anche i sistemi di sicurezza attiva ed ausilio alla guida.

Corpo vettura: unicamente in versione “lunga”

La “fusione” degli atout Alpina con lo stile di Bmw Serie 7 2019 si concretizza nello studio di nuovi dettagli esterni (paraurti, anteriore e posteriore, “riveduti e corretti”; adozione di prese d’aria di maggiori dimensioni, nuovo diffusore, nuovi terminali di scarico a sezione ellittica), dei quali fanno capo gli immancabili cerchi Alpina Classic multirazze disponibili in due misure di diametro (20” e 21”), ed equipaggiati di pneumatici Michelin Pilot Super Sport a sezione differenziata (rispettivamente: 255/40 ZR 20 all’avantreno, e 295/35 ZR 20 al retrotreno). Alpina B7 xDrive sarà disponibile nella sola versione “lunga”. Le ordinazioni si apriranno nelle prossime settimane; le prime consegne sono fissate a partire dal prossimo agosto.

Abitacolo: ampie possibilità di personalizzazione

Le “personalizzazioni” cui si faceva cenno vengono concretizzate nell’impostazione dell’abitacolo: il layout degli interni di Alpina B7 xDrive può essere, a scelta del cliente ed attingendo al vasto catalogo di accessori, ordinato scegliendo fra numerosi materiali di pregio (diverse qualità di radica), a partire dalla pelle Nappa dei rivestimenti a ricoprire i sedili semi-anatomici “Confort” provvisti di comando di ventilazione, e con cuciture a contrasto realizzate a mano dagli artigiani Alpina, con l’obiettivo di provvedere ad una marcata distinzione dagli “standard” Bmw.

Meccatronica: il 4.4 V8 sale a 600 CV

Uno dei cavalli di battaglia Alpina riguarda l’affinamento dei sistemi di propulsione: l’azienda bavarese, anche in virtù di un “canale privilegiato” con la Casa madre, è sempre in grado di offrire performance superiori ai gruppi motore Bmw. Nel caso specifico, B7 xDrive è stata oggetto di un approfondito programma di re-engineering all’unità 4.4 V8 sovralimentata con sistema Bmw TwinPower Turbo, che ha riguardato lo studio di nuove turbine e relativi intercooler maggiorati, un impianto di scarico riprogettato e dotato di nuove elettrovalvole per il controllo dei flussi dei gas, ed “ovviamente” la rimappatura della centralina elettronica di gestione. In questo modo, la potenza sale a 600 CV, e la forza motrice risulta nell’ordine di 800 Nm di coppia massima, per una velocità massima di 328 km/h ed uno scatto di 3”5 da 0 a 100 km/h.

Assetto: c’è il sistema di sospensioni pneumatiche

La tecnologia di sospensioni che equipaggia Alpina B7 xDrive si avvale, di serie, del modulo pneumatico con Dynamic Damper Control, modalità Active Comfort Drive e sensori Road Preview, che oltre a fornire al conducente la possibilità di variare dall’abitacolo l’altezza della vettura, prevede l’utilizzo delle nuove barre antirollio attive e del retrotreno direzionale.

Sistemi di assistenza alla guida

Anche in questo caso, l’attenzione dei tecnici Alpina è improntata al massimo comfort ed alla più elevata risposta del veicolo: si sottolinea, a questo proposito, l’adozione dei sofisticati dispositivi di assistenza alla guida ADAS che comprendono, fra gli altri, Speed Limit Info System, Rear Collision Preparation con Cross Traffic Alert, Steering & Traffic Jam Assistant, Automatic Lane Change, Evasion Assistant & Cross Traffic Alert, in modo da rendere la dotazione di bordo equiparata ai sistemi di guida autonoma di Livello 2.

Tutto su: Alpina