Nuova Mercedes Classe V 2019: tutti i segreti del restyling

La monovolume tedesca si aggiorna con un restyling di metà carriera dedicato all’estetica e soprattutto ai contenuti tecnici e tecnologici.

A cinque anni dal debutto, la Mercedes Classe V si aggiorna con un interessante restyling di metà carriera che verrà svelato ufficialmente il prossimo marzo sotto i riflettori del Salone di Ginevra 2019 e porterà in dote interessanti novità legate all’estetica e ai contenuti della monovolume tedesca. L’aggiornamento della Classe V punta quindi a consolidare la leadership di questo modello nel proprio segmento, forte delle 64mila unità distribuite lo scorso anno in tutto il globo, di cui ben 1.300 solo nel nostro Paese, mentre dal 2014 ad oggi la Classe V è stata venduta nel mondo in ben 209.000 esemplari, di cui 5.500 immatricolate in Italia.

Estetica affinata senza stravolgimenti

Dal punto di vista estetico, la nuova Classe V sfoggia una serie di interessanti modifiche – condivise anche dai modelli Marco Polo e Marco Polo Horizon dedicati al tempo libero – capaci di rendere più elegante la vista d’insieme. Le maggiori novità si concentrano nella parte frontale dove troviamo la nuova calandra abbinata a paraurti di inedita concezione e più avvolgenti, non mancano inoltre nuove colorazioni per il corpo vettura denominate Grigio Grafite Metallizzato, Grigio Selenite Metallizzato, Blu Acciaio e Rosso Giacinto Metallizzato, a cui si aggiunge un’inedita collezione di cerchi in lega, disponibile nelle misure da 17, 18 e 19 pollici. A secondo dell’allestimento scelto, la Classe V risulta più elegante (Premium ed Exclusive), oppure più dinamica, grazie a prese d’aria di maggiori dimensioni presenti sulle versioni Sport e AMG Line. 

Abitacolo tecnologico con finiture da ammiraglia

La monovolume della Stella è disponibile nella versione a passo corto da 4,90 metri, oppure nella variante più spaziosa raggiunge una lunghezza di 5,14 metri, mentre le configurazioni per gli interni disponibili sono per sei, sette o otto passeggeri. L’abitacolo può essere rifinito con materiali di altissima qualità e personalizzato con ampi accostamenti cromatici: a disposizione della clientela troviamo infatti rivestimenti in tessuto nero Santos, pelle color tartufo, pelle Lugano e Nappa color nero o beige seta, il tutto abbinabile ad inserti in look laccato lucido, ebano, carbonio o alluminio spazzolato. Guidatore e passeggero possono apprezzare un’ampia plancia che si sviluppa in senso longitudinale e che offre nella console centrale lo schermo dell’infotainment, il touchpad (con cui è possibile controllare la connettività per smartphone, navigazione satellitare e l’impianto audio) e i comandi della climatizzazione elettronica. Particolare attenzione è stata riservata ai sedili, sviluppati per offrire ai passeggeri il massimo confort anche nei lunghi viaggi, grazie ad un’imbottitura rigida e alle funzioni di ventilazione, riscaldamento e massaggio.

Nuovo motore 2.0 litri turbodiesel

Per quanto riguarda la gamma di motorizzazioni, la Classe V riceve un nuovo ed efficiente 2.0 litri turbodiesel utilizzato da altri modelli della Casa di Stoccarda. Questa unità viene declinata in due varianti di potenza già omologate Euro 6d-Temp e in grado di offrire – secondo quanto affermato dalla Casa – consumi ed emissioni inferiori del 15% rispetto a quelli della generazione che va a sostituire.

la prima versione che equipaggia la V250 d mette a disposizione 190 CV e 440 Nm di coppia massima, mentre la seconda che equipaggiata la V300 d raggiunge i 239 CV e i 500 Nm di coppia massima. In questa ultima variante, quando si devono effettuare sorpassi o si affrontano ad esempio salite di montagna, è possibile azionare la funzione overboost per aumentare la coppia fino a 530 Nm per alcuni secondi, mentre i dati dichiarati parlano di un’accelerazione da 0 a 100 km/h fulminea, effettuata in appena 7,9 secondi. Entrambe le versioni sono equipaggiate con il nuovo cambio automatico a nove marce 9G-Tronic. Rispetto alla versione che sostituisce, questa nuova trasmissione automatica mette a disposizione due rapporti in più offrendo in questo modo una guida più fluida e anche più reattiva, in questo ultimo caso utilizzando la modalità di guida “Sport”. Purtroppo, il nuovo 9G-Tronic lamenta la mancanza dei paddle al volante per il cambio marcia manuale.

Trazione integrale e sistemi ADAS per la massima sicurezza

La Nuova Classe V può essere equipaggiata con la sola trazione posteriore o con l’integrale 4Matic capace di rendere più sicura la guida su ogni tipo di terreno. Sempre in tema di sicurezza segnaliamo l’ampia offerta di sistemi di assistenza alla guida (ADAS) tar cui il Crosswind Assist, che aiuta a mantenere la traiettoria sulla propria corsia anche in caso di forte vento laterale. Non mancano inoltre la frenata d’emergenza automatica, abbinata alla funzione anti-investimento e i proiettori adattivi, capaci di evitare di abbagliare gli altri veicoli e di mantenere un fascio di luce costante ai lati della strada.

Come anticipato, il restyling della Classe V sarà svelato al Salone di Ginevra, e insieme a lei sarà possibile ammirare anche la Vision EQV, prototipo a zero emissioni derivato dalla monovolume tedesca e molto vicina alla versione di serie.

Nuova Mercedes Classe V 2019: le foto ufficiali Vedi tutte le immagini
Altri contenuti