Nuova Bmw X5 2019: la quarta generazione sbarca al Salone di Parigi

La nuova generazione della Bmw X5 diventa più comoda e spaziosa, oltre a proporre sistemi ADAS in grado di aumentare confort e sicurezza in maniera esponenziale.

Nuova Bmw X5 2019: la quarta generazione sbarca al Salone di Parigi

di Francesco Donnici

03 Ottobre 2018

Capostipite dei SUV, la Bmw X5 si rinnova completamente con l’arrivo della quarta generazione presentata in queste ore sotto i riflettori del Salone di Parigi 2018, in programma dal 2 al 14 ottobre. La vettura si presenta in una veste completamente inedita che vanta linee sinuose e sportive ereditate dal l’ultimo linguaggio stilistico della Casa di Monaco, ma soprattutto porta in dote tecnologie futuristiche ed una vasta gamma di motorizzazioni capaci di essere anche sostenibili come sottolinea la futura presenza di una variante ibrida plug-in.

Esteticamente si nota subito la nuova mascherina a doppio rene, cresciuta in dimensioni ed impreziosita da una spessa cornice cromata. Nuova anche la forma dei proiettori a LED che possono essere arricchiti con la tecnologia laser adattivo. La vista laterale risulta enfatizzata da passaruota spigolosi che ospitano le grandi ruote in lega, disponibili nelle misure da 18 fino a 22 pollici. La parte posteriore risulta alleggerita dall’andamento del terzo montante e dai gruppi ottici dalla forma sottile e che si sviluppano in senso orizzontale, regalando in questo modo un aspetto morbido al portellone dotato di apertura elettronica.

Realizzata sulla nuova piattaforma Clar (Cluster Architecture), la X5 vanta dimensioni importanti e più generose rispetto al passato: la lunghezza sfiora i 5 metri (4.922 mm), la larghezza raggiunge i 2.004 mm, mentre il passo è stato allungato di 42 mm, raggiungendo quota 2.975 mm. Quest’ultimo dato ha permesso di offrire una generosa abitabilità interna per i 5 occupanti che possono diventare 7 con l’opzione della terza fila di sedili. Anche il vano bagagli vanta tanto spazio, offrendo una capacità di 650 litri che diventano 1.870 se si abbatte il divano posteriore.

Entrati nell’abitacolo si apprezza il classico stile sportivo Bmw caratterizzato da linee pulite, componenti abbinati al meglio e materiali di prim’ordine, a cui si aggiungono dettagli hi tech discreti ed accattivanti. Tra questi ultimi spicca la strumentazione digitale con display da 12,3 pollici settabile a secondo delle esigenze. La stessa dimensioni da 12,3 pollici caratterizza un secondo schermo questa volta incastonato nella plancia e dedicato al sistema di infotainment con cui è possibile controllare numerose funzioni, tra cui l’immancabile navigazione GPS, l’impianto audio ad alta fedeltà e la connettività per smartphone compatibile per il momento solo Apple Car Play e non con Android Auto, il tutto coadiuvato da comandi vocali gestiti dall’Intelligenza artificiale. Grazie ad avanzati sistemi di assistenza alla guida, la nuova X5 promette una nuova esperienza di guida, grazie a dispositivi come il come il Driving Assistant Professional e il Parking Assistant Plus con Reversing Assistant capace di registrare le manovre degli ultimi 50 metri di guida per facilitare l’uscita dai parcheggi.

La gamma di motorizzazioni omologate Euro 6-d Temp prevede in un primo momento due unità diesel a sei cilindri e una a benzina. Si parte con la versione xDrive30d da 265 CV che permette uno scatto cavalli da 0 a 100 di 6,5 secondi, seguita dalla poderosa M50d dotata di ben 4 turbo compressori e capace di scaricare la bellezza di 400 CV più che sufficienti per bruciare lo scatto da 0 a 100 orari in 5,2 secondi.

L’offerta si chiude con la versione a benzina xDrive40i da 340 CV con un’accelerazione dichiarata da 0 a 100 km/h in 5,5 secondi. Attesa nel prossimo futuro una potente variante ibrida plug-in, mentre tutte le unità sono abbinate alla trazione integrale xDrive e al cambio automatico steptronic a otto rapporti.

Tutto su: BMW X5, Salone di Parigi