Acura: al Salone di Detroit con la RDX Prototype

Design innovativo interno completamente rivisto più spazio interno e motore 2 litri turbo abbinato al cambio automatico a 10 marce per il crossover giapponese.

Al Salone di Detroit 2018 Acura ha presentato la RDX Prototype, un crossover completamente riprogettato che esprime il nuovo design del brand. Si tratta di un’auto molto vicina alla versione che andrà in produzione a parte alcuni dettagli come i retrovisori.

Il prototipo che prefigura la terza generazione della RDX riprende dal Concept Precision del 2016 la griglia pentagonale, mentre si presenta più larga e con un passo più ampio rispetto al modello uscente. Completa il quadro estetico la fanaleria a LED. In generale il design è decisamente più dinamico, e nella zona posteriore riprende le sembianze di una coupé con i montanti inclinati ed il tetto che scende verso il basso completato da uno spoiler.

L’abitacolo della RDX Prototype presenta la nuovissima interfaccia Acura True Touchpad con un display full-HD da 10.2 pollici posizionato in cima alla console centrale, sistema operativo Android e comandi vocali evoluti. Chiaramente, con un passo maggiore c’è più spazio per le gambe dei passeggeri posteriori e nel vano di carico. Il tetto panoramico più grande della sua categoria rappresenta indubbiamente un valore aggiunto.

Sotto il cofano, in luogo dell’attuale V6 da 3,5 litri, la RDX Prototype è dotata di un motore turbo VTEC da 2 litri a quattro cilindri abbinato ad una trasmissione automatica a 10 velocità. Non manca un sistema di trazione integrale nella sua versione più avanzata tra quelli realizzati da Acura fino ad oggi, con un nuovo differenziale posteriore.

Il prezzo del modello di serie non è stato comunicato, ma è chiaro che la RDX è una vettura su cui Acura punta molto, visto che ha fatto segnare vendite record per cinque anni consecutivi.

Acura al Salone di Detroit 2018 Vedi tutte le immagini
Altri contenuti