Citroen C3 Elle: serie speciale dedicata alle donne

Un tocco di femminilità per la nuova serie speciale di Citroen C3 sviluppata in collaborazione con il settimanale “Elle”: per l’Italia, la novità del Double Chevron sarà in prevendita a febbraio.

Citroen inaugura il 2018 con l’annuncio di una nuova serie speciale destinata alla clientela femminile (uno dei “target” di mercato che il Double Chevron tiene da sempre in primo piano, soprattutto nello sviluppo di varianti derivate dalla propria produzione di piccole dimensioni). Si tratta di Citroen C3 Elle, realizzata in collaborazione con la celebre omonima rivista sulla scorta di specifiche indicazioni relative ad una esclusiva impostazione di stile finalizzata ad una serie di atout che facessero leva su espressioni di eleganza, glamour metropolitano e “tendenza”.

La scelta di Citroen C3, bestseller del marchio PSA lanciata sul mercato nell’autunno 2016 e venduta in oltre 230.000 unità in tutta Europa, va ascritta alle personali peculiarità dimostrate dalla filosofia progettuale: citycar dalle forme dichiaratamente “audaci” e nello stesso tempo facilmente armonizzabili con la mobilità urbana.

La nuova Citroen C3 Elle, anticipata dalle prime immagini e dal dettaglio degli equipaggiamenti, sarà disponibile alle ordinazioni in Italia a febbraio; il debutto nelle concessionarie è fissato per il prossimo marzo.

L’impostazione del corpo vettura – l’allestimento si basa sulla variante alto di gamma “Shine” – è esclusivamente bicolore: tinta carrozzeria Polar White e tetto Soft Sand, con gusci degli specchi retrovisori Onyx Black a contrasto. A richiesta, vengono offerte quattro ulteriori nuance per la carrozzeria (Night Black, Soft Sand, Platinium Grey ed Artic Steel) oltre ad una seconda variante di colore (Onyx Black) per il tetto. Da segnalare il simpatico vezzo dei tocchi di colore in Cherry Pink alle cornici fendinebbia, ai tipici “Airbump” e ai montanti posteriori; in opzione, i gruppi ruota possono essere equipaggiati con cerchi in lega “Cross” da 17” a finitura diamantata.

All’interno, l’impostazione dell’abitacolo di Citroen C3 Elle – progettata dal responsabile della Divisione Colori e materiali di Citroen, Hélène Veilleux – si ispira alle soluzioni dell’interior design: rivestimento in Curitiba Grey con cuciture Cherry Pink ai sedili, e medesima tonalità per i profili della plancia in tessuto grigio. Stesso Cherry Pink, con personalizzazione “Elle”, per i bordi dei tappetini anteriori e posteriori.

Particolarmente ricca la dotazione di sistemi di assistenza alla guida e funzionalità multimediali: specchi retrovisori esterni ripiegabili a comando elettrico, climatizzatore automatico, “Mirror Screen”, “Pack Visibilità”, dispositivo Hill Assist di ausilio nelle partenze in salita, Cruise control con limitatore di velocità, l’avviso di superamento involontario della linea di carreggiata e il riconoscimento dei limiti di velocità. A richiesta, l’equipaggiamento di Citroen C3 Elle potrà essere arricchito con la telecamera posteriore utile per le manovre in retromarcia, la ConnectedCAM Citroen HD a grandangolo connessa ed integrata per la condivisione di immagini sui propri profili social, la “Citroen Connect Box” con Pack SOS e modulo di assistenza, il sistema infotainment con “Citroen Connect Nav” a schermo touch pad da 7” e riconoscimento vocale, e l’Active Safety Brake (kit che comprende le funzionalità Driver Attention Alert e commutazione automatica dei fari).

Sotto il cofano, la nuova serie speciale Citroen C3 Elle viene declinata su due tipologie di alimentazione benzina e gasolio: si tratta, nel dettaglio, delle rispettive varianti PureTech 82 e PureTech 110 S&S (quest’ultimo abbinato alla trasmissione automatica S&S EAT6 a sei rapporti), e Diesel BlueHDi da 75 e 100 cavalli con cambio manuale.

Citroen C3 Elle 2018: immagini ufficiali Vedi tutte le immagini
Altri contenuti

Elettrificazione “per tutti” e nuovi servizi alla mobilità al centro della rassegna lombarda che costituisce un’importante manifestazione per la ripartenza dell’intera filiera automotive dopo l’emergenza sanitaria.