Seat Leon ST: c’è una Cupra R da 335 CV nel suo futuro?

Alcuni rumors “captati” dal Web indicano che i vertici Seat stanno sviluppando il modello più potente di sempre: sarà allestito su Leon ST Cupra e potrebbe debuttare l’anno prossimo.

La Seat più potente di sempre è sul taccuino dei programmi da parte dei vertici del marchio catalano. Una indiscrezione, pubblicata in queste ore dall’edizione Web di Auto Express, indica che i “piani alti” di Martorell si preparano allo sviluppo di una declinazione da 335 CV di Seat Leon ST: la denominazione scelta sarebbe Seat Leon ST Cupra R, il che la dice lunga sulle peculiarità del nuovo modello.

Al momento, svela il magazine di oltremanica, una Leon ST allestita ad hoc (potenza supplementare extra, impianto di scarico aftermarket realizzato dallo specialista in elaborazioni ABT e cerchi da 20”) è in fase di realizzazione. Il prototipo, rivela il responsabile della Divisione Vendite e Marketing di Seat, Wayne Griffiths, si presenta verniciato in nero con dettagli in tinta rame, ed equipaggiato con un sofisticato impianto audio e altri particolari di matrice dichiaratamente sportiva per l’abitacolo.

Il nuovo modello, dati alla mano, innalzerebbe ulteriormente l’asticella dei valori prestazionali per la gamma Leon Cupra R, attualmente appannaggio della nuova versione – svelata lo scorso febbraio – che sotto il cofano porta in dote l’ormai collaudato 2.0 TSI Volkswagen turbocompresso, sul quale  vengono adottati un dispositivo di distribuzione variabile per l’albero a camme e un sistema di doppia iniezione diretta e indiretta: il tutto si traduce in una potenza di 300 CV e in 380 Nm di coppia massima. Questa, al momento, è la Seat più potente mai prodotta.

È chiaro il ruolo di competitor nei confronti di una “granitica” rappresentanza interamente “made in Germany” che la nuova Seat Leon ST Cupra R andrebbe a ricoprire: su tutte, le versioni Bmw M e Audi RS di media gamma. Un progetto di concorrenza da parte del marchio catalano, riguardo allo sforzo produttivo, potrebbe risultare relativamente semplice da mettere in pratica. Lo stesso Griffiths prevede che, se la nuova Leon Cupra R sviluppa 300 CV, una futura Leon ST Cupra R, equipaggiata con la trazione integrale e il cambio DSG a doppia frizione (e, si può aggiungere, prendendo in prestito la dotazione di Leon Cupra 300 CV, il blocco differenziale VAQ tipo Haldex a controllo elettronico e ad azionamento idraulico, le cinque modalità di guida del “Cupra Drive Profile” e l’assetto che sfrutta ammortizzatori a controllo elettronico e l’ACC-Adaptive Chassis Control) potrebbe concretizzarsi con una certa facilità.

Altrettanto interessante, dal punto di vista delle possibili future strategie di immagine per il marchio di Martorell, è il progetto di fattibilità relativo ad una nuova lineup di componenti e accessori high performance in esame da parte dei vertici Seat: una “Cupra Line” – concettualmente vicina alla filosofia “S Line” di Audi ed “M Performance” di Bmw – che potrebbe essere proposta per l’intera gamma Seat, incluse la rinnovata Ibiza e la recentissima Ateca fino all’imminente SUV full-size il cui nome definitivo è atteso per i prossimi giorni: la “Cupra Line” costituirebbe un livello superiore rispetto alle attuali declinazioni FR ed FR Sport, oppure andrebbe a sostituirle tout court.

Seat Leon ST 1.6 TDI Style: la prova su strada Vedi tutte le immagini
Altri contenuti