Renault Alaskan: pick-up pronto al debutto in Europa

Dopo le anticipazioni al Salone di Francoforte 2015 e il lancio in Colombia dell’autunno 2016, il primo pick-up “heavy duty” di Renault viene svelato nella versione europea.

Quattro allestimenti, un buon ventaglio di dotazioni, due tipologie di trasmissione ed altrettanti livelli di potenza: ecco, in estrema sintesi, il biglietto da visita di Renault Alaskan, il primo “pick-up familiare” della Marque à Losange, che si prepara al debutto europeo. L’anteprima viene confermata dal dettaglio delle caratteristiche tecniche e dalle immagini che sottolineano la notevole versatilità del nuovo veicolo “heavy duty” di Renault.

Nei prossimi giorni si conosceranno i prezzi di vendita relativi al mercato francese; successivamente, vale a dire a ottobre, i primi esemplari di Alaskan debutteranno nelle concessionarie d’oltralpe, per la fase di “lancio” commerciale.

Renault Alaskan venne svelato, in anteprima assoluta, al Salone di Francoforte 2015 come prototipo; esposto un anno fa al Salone di Parigi, è stato poi portato all’esordio in Colombia, in una prima fase di vendita che ne prevedeva la destinazione nei mercati dell’America latina. A quanto pare, i vertici Renault hanno, in tempi più recenti, puntato i riflettori sull’Europa, dove si prevede un buon bacino di utenza per questo tipo di veicoli, da affiancare ai sempre più diffusi SUV: lo dimostra, fra gli altri, l’arrivo di Fiat Fullback.

Renault Alaskan, prodotto nelle linee di montaggio Nissan di Barcellona, mantiene una stretta parentela con Nissan Navarra: del fortunato pick-up giapponese (anch’esso, peraltro, assemblato nel medesimo stabilimento catalano e all’inizio del 2016 giunto alla dodicesima generazione), Alaskan sfrutta buona parte degli organi meccanici.

L’analisi delle immagini di anteprima messe a disposizione da Renault rivela, dal punto di vista stilistico, un marcato “family feeling” con l’attuale produzione del Gruppo francese: ciò risulta evidente in special modo nella zona frontale del pick-up pronto all’ingresso in Europa, dove una calandra di grandi dimensioni viene accompagnata dal classico stilema del “rombo”. Risulta piacevole, per quanto l’appeal estetico di una vettura sia soggetto a valutazioni personali, l’andamento “nervoso” del cofano motore, che sottolinea un’immagine “ovviamente” massiccia all’insieme del veicolo.

Per il resto, nessuna sorpresa di rilievo: Renault Alaskan mantiene le peculiarità tipiche del settore pick-up: elementi di protezione sottoscocca in corrispondenza dei paraurti, ampi codolini passaruota, i classici “predellini” per l’ingresso nella doppia cabina, barre portatutto longitudinali al tetto. La fanaleria si avvale di elementi a Led e Full Led (a seconda delle versioni). I cerchi in lega sono disponibili su misure che vanno da 16” a 18”. L’esterno viene impreziosito dall’apposizione di alcuni accenti cromati (maniglie porta, cornici dei finestrini laterali).

Le dimensioni esterne di Renault Alaskan sono piuttosto “importanti”, e in linea con i veicoli di pari segmento: la lunghezza misura 5,32 m, per 1,85 m di larghezza e 1,83 m di altezza; di rilievo, ai fini della destinazione d’uso, la capacità del “cassone”, da 2,46 metri quadri di superficie utile e una capacità di carico nell’ordine di 500 kg per la sponda posteriore (collocata ad  81 cm di altezza da terra) in posizione aperta. Da segnalare la presenza di un sistema di fissaggio merci “C-Channel” a guide fisse su tre lati del vano di carico e quattro ganci scorrevoli, studiato per assicurare la massima sicurezza di trasporto.

All’interno, Renault Alaskan viene equipaggiato con sedili – quello conducente provvisto di otto modalità di regolazione – il cui disegno (relativamente agli anteriori, che sono anche dotati di comando riscaldamento) è ispirato a quelli progettati dalla NASA per gli astronauti (!), per offrire un elevato comfort a bordo a  guidatore e passeggeri. Gli occupanti la fila posteriore di sedili hanno a disposizione 679 mm alle ginocchia.

La dotazione messa a punto per il nuovo pick-up Renault Alaskan prevede climatizzatore automatico bi-zona, diversi scomparti portaoggetti nell’abitacolo, uno schermo TFT 3D a colori da 5” per il controllo dei parametri veicolo (consumo medio e istantaneo, autonomia, istruzioni di navigazione, comandi del dispositivo USB, bussola), un sistema multimediale a display touch per la visualizzazione dei dati di navigazione e delle funzioni audio, una fotocamera con visuale a 360 gradi che si avvale di un modulo di quattro microcamere collocate nel paraurti anteriore, nella sponda posteriore e nei gusci degli specchi retrovisori; il sistema di ingresso e avviamento “Keyless”, il dispositivo di assistenza nelle partenze in salita, la frenata autonoma d’emergenza con funzione di rilevamento distanza di sicurezza e l’assistenza alla marcia in discesa.

Sotto il cofano, Renault Alaskan viene equipaggiato con l’unità Renault turbodiesel 2.3 dCi già a bordo della gamma Renault Master, proposta su due livelli di potenza (160 e 190 CV) e altrettante tipologie di trasmissione (cambio manuale a sei rapporti o automatico a sette rapporti); la trazione, a controllo elettronico, sfrutta il retrotreno nelle “normali” condizioni di marcia, per diventare integrale sui percorsi maggiormente impegnativi. Il trasferimento di coppia motrice utilizza un differenziale centrale a slittamento limitato e un differenziale posteriore autobloccante.

Renault Alaskan: nuove immagini ufficiali Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Renault Arkana

Altri contenuti