Land Rover Defender 2018: primi dettagli sull’erede della storica offroad

La futura Defender potrebbe essere pronta nel 2018. Intanto, il responsabile Design di Solihull indica che la nuova gamma dovrà assicurare una decisa continuità alla filosofia offroad “senza fronzoli” che per 68 anni ha accompagnato la carriera del fuoristrada-simbolo.

L’attesa per la erede di Land Rover Defender potrebbe, a breve termine, essere premiata con la presentazione del nuovo modello. Sul “quando”, i vertici di Solihull non si pronunciano, tuttavia alcune indiscrezioni trapelate recentemente dal Web indicano che la nuova Defender sarà pronta nel 2018 (e questo assicurerebbe sulle indicazioni giunte a fine 2015 dai “piani alti” di Land Rover). Per il momento, l’unico dato sicuro (o più che probabile) è che la lineup Land Rover si arricchirà presto con la “figlia” della fuoristrada-simbolo dell’offroad di oltremanica.

La conferma è stata avanzata, dal responsabile Design di Land Rover, Gerry McGovern, intervenuto all’Automotive News Europe Congress di Barcellona, meeting promosso dall’edizione europea del magazine di Detroit. Per questo, l’anticipazione è stata ripresa da una Web news, nella quale si evidenzia una prima linea-guida che sarà alla base della futura “Defender” (la chiamiamo così per motivi di maggiore chiarezza: per la conferma ufficiale del nome, anche in questo caso, occorrerà attendere).

In questo senso, la futura nuova serie della vettura porterebbe in dote uno stile di progettazione studiato per attirare due principali categorie di clienti, ovvero i proprietari della “storica” Defender, così come una nuova generazione di acquirenti, come puntualizza McGovern: «Per lunghi anni, l’immagine di Defender ha costituito il nucleo emozionale del nostro marchio. Talmente radicato nell’immaginario collettivo, e rimasto in produzione per così tanto tempo, da essere diventato un punto fermo per Land Rover. Il nostro futuro dovrà contare su una lineup di veicoli altrettanto desiderabili e ‘iconici’, in modo da richiamare un ampio ventaglio di clienti».

La nuova Land Rover Defender 2018, dunque, manterrà una decisa liaison fra la storia di Solihull (e della “eterna” Defender in particolare) e una impostazione più moderna. Un obiettivo non facile, tenuto conto che la futura generazione di Defender non dovrà essere una “fotocopia aggiornata” della longeva offroad: ed ecco spiegato l’appello alla spinta emozionale che la futura Defender dovrà suscitare fra gli appassionati. Non ultima, l’immagine di veicolo fuoristrada “duro e puro” che, secondo il numero uno del Design in Land Rover, sarà mantenuta.

L’ultimo esemplare di Land Rover Defender (discendente dalla “famiglia” che affonda le proprie radici nell’immediato dopoguerra), nello specifico l’unità numero 2.016.933, uscì dalle linee di montaggio di Solihull a fine gennaio 2016: era un Defender 110 Station Wagon, assemblato in una quindicina di ore. Su di sé, l’ultima Defender portava una eredità fra le più importanti nell’intera storia dell’automobile: una “carriera” che si è dipanata in 68 anni di produzione e in tutti i cinque Continenti e una stirpe che, dai difficili anni della ripresa post-bellica, ha accompagnato lavoratori, viaggiatori, escursionisti, enthusiast della guida in offroad “senza fronzoli”, in virtù delle peculiarità insite nel progetto originario Land Rover (maneggevolezza, guidabilità, elevate doti di superamento pendenze e passaggi più impegnativi) che non sono mai state modificate con il trascorrere del tempo, e che hanno fatto della lineup Land Rover Defender uno degli ultimi “highlander” della filosofia offroad.

Land Rover Defender Last Edition Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Land Rover Defender 2.0 SD4 S: la prova su strada

Altri contenuti